PMI e Cyber-sicurezza: le aziende italiane sono le più a rischio

di Giuseppe Tavera

clock image2 minuti

PMI e sicurezza informatica

In questo momento, migliorare la sicurezza informatica è una manovra strettamente necessaria.

Le aziende italiane si sono tutte prefissate lo stesso obiettivo a partire dal 2017, momento in cui la cyber-security è divenuta un argomento scottante.

Ora la situazione è ancora più grave.

Dal 2018 in poi, diverse PMI nazionali hanno cominciato a investire per proteggersi contro attacchi come WannaCry e Petya (che causarono danni per milioni di dollari).

Tuttavia, i pirati informatici sono sempre più furbi e rapidi nell’aggirare le norme di sicurezza. Nuovi malware e virus sono all’ordine del giorno, pronti a colpire.

L’Italia è uno tra i Paesi più a rischio dell’intera Europa; la notizia arriva direttamente da Venustech, azienda cinese specializzata in sicurezza informatica.

Cosa significa? Le PMI italiane devono assolutamente aumentare gli sforzi per mettere al sicuro i propri dati.

La ricerca dell’Osservatorio Information Security & Privacy della School of Management del Politecnico di Milano (da cui trae spunto Venustech) evidenzia in Italia un aumento del 12% rispetto all’anno scorso nel mercato della sicurezza informatica (pari 1,09 miliardi di euro). Ma non è abbastanza.

La maggior parte degli investimenti giunge da parte di grandi aziende che si sono tempestivamente adattate al GDPR (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati).

Tali investimenti escludono quindi le PMI, che attualmente sono le più esposte agli attacchi informatici.

Secondo i dati raccolti, il 30% delle piccole e medie imprese non possiede misure di sicurezza contro gli hacker.

L’altro 30%,è gestito da un addetto cyber security, che spesso è l’imprenditore stesso.

La ricerca di Venustech sottolinea la pericolosità del cyber crime, soprattutto verso computer e dispositivi mobili utilizzati nell’ambito aziendale.

Numerosi dipendenti infatti, condividono dati informatici tramite smartphone, bersagli facili per gli hacker più scaltri.

Fino a quando le PMI italiane non inizieranno a investire seriamente nella sicurezza informatica, il pericolo sarà sempre dietro l’angolo.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Le competenze digitali che serviranno ai direttori...

Competenze digitali dei direttori finanziari

Secondo Gartner, i direttori finanziari dovranno sviluppare una serie di competenze digitali nei mesi a venire, se vogliono trarre vantaggio economico dagli investimenti fatti in ambito digitale fino a oggi. Il capo delle ricerche di ambito finanziario di Gartner, Alexander Bant, è convinto che i CFO (cioè i direttori finanziari) si stanno spingendo sempre di […]

Leggi la news >
N

Imparare a gestire le spese per migliorare la prop...

Migliorare i costi dell'impresa

Nel 2020 abbiamo assistito a una profonda trasformazione, sia dal punto di vista economico che sociale. Sono diminuiti gli spostamenti, le persone hanno cominciato a vivere maggiormente all’interno delle proprie mura domestiche, le imprese hanno migliorato la propria presenza online. Nonostante questo, però, è ancora molto difficile per molti brand aumentare le vendite online dei […]

Leggi la news >
N

Google Cloud lancia una suite dedicata ai rivendit...

nuova suite di Google Cloud

Nelle scorse ore, Google Cloud ha annunciato il lancio di una suite dedicata ai rivenditori, per aiutarli a rafforzare l’e-commerce e a migliorare la customer experience. La suite, chiamata Product Discovery Solutions for Retail, consentirà ai rivenditori di risolvere problematiche correlate al proprio e-commerce, sfruttando gli algoritmi dell’Intelligenza Artificiale unitamente all’infrastruttura scalabile di Google Cloud. […]

Leggi la news >