N

Social

Come relazionarsi agli utenti su una piattaforma come LinkedIn

di Luna Saracino

clock image3 minuti

Evitare lo Spam su LinkedIn

LinkedIn è una risorsa preziosa, utile per cercare e proporre offerte di lavoro che per cogliere opportunità di business e di vendita.

La prima cosa fondamentale, però, per sfruttare tutti i vantaggi di questa piattaforma è avere un profilo perfettamente costruito e ottimizzato. Controlla su questa Guida LinkedIn completa e aggiornata se il tuo profili è davvero performante e scopri tutte le novità.

Inoltre, come ogni social network che si rispetti, però, può presentare diverse problematiche a livello relazionale e rispetto agli altri utenti. Per questo motivo, è molto importante tenere a mente una specie di “etichetta”, una serie di consigli per evitare comportamenti spiacevoli sulla piattaforma.

Piccoli consigli per evitare comportamenti spiacevoli con gli utenti su LinkedIn

Una delle cose principali da evitare su LinkedIn è lo spam. Lo spam, online, ha diverse forme, spesso insidiose, ed è bene riconoscerle in tempo, così da evitare di cadere sempre nello stesso errore, anche inconsapevolmente.

Uno degli spam più spiacevoli riguarda i messaggi di marketing direttamente nella posta elettronica di LinkedIn. Fare promozione in privato può risultare invasivo e invadente: se una persona è interessata al tuo prodotto è quasi certo che ti cercherà ed eventualmente troverà per conto suo.

Un altro spam assolutamente evitabile su LinkedIn sono le newsletter non richieste. Se una persona accetta di connettersi con te non è detto che voglia accettare le tue newsletter settimanali. Un utente sceglie attivamente di iscriversi a un servizio: se non lo richiede e si ritrova l’email intasata potrebbe non apprezzare. E quasi sicuramente non apprezzerà.

Un altro comportamento da evitare è quello di connettersi con persone che non conosci o che non fa parte in alcun modo della tua cerchia di interessi. Può andar bene aggiungere qualcuno che fa parte del tuo settore, magari, ma di certo non è consigliato utilizzare LinkedIn come fosse un social network qualsiasi. La piattaforma, infatti, nasce principalmente per questioni legate a lavoro, crescita professionale, marketing e business di vario genere. L’aggiunta di utenti random è un rischio alto che risulterebbe alla lunga anche piuttosto spiacevole per chi riceve continue richieste di connessioni da perfetti sconosciuti.

LinkedIn è una piattaforma per connessioni lavorative: il rispetto è fondamentale

Per queste ed altre ragioni, è importante tenere a mente il vero scopo di una piattaforma social come LinkedIn, nata per creare connessioni tra professionisti e per cercare o trovare lavoro nel proprio settore. È importante avere un atteggiamento rispettoso nei confronti degli utenti in qualsiasi social network, a maggior ragione in posti come LinkedIn che sono nati esclusivamente per mettere in contatto professionisti in giro per il mondo.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro
N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >