Mirko Cuneo

Leadership & Motivazione

Come trasformare un problema in opportunità

13 febbraio 2018
trasformare un problema in opportunità

Tutti, prima o poi, si ritrovano a dover affrontare un problema, sia a livello lavorativo sia a livello personale. Ma se riuscissimo a trasformare un problema in opportunità?

Alcuni problemi possono essere facili da superare, mentre altri possono apparire come insormontabili. In questi casi, il giusto atteggiamento, che parte dalla motivazione corretta e anche dalla messa in pratica di alcuni strumenti, possono essere la salvezza di un professionista.

Infatti, farsi travolgere dai problemi potrebbe essere davvero la scelta sbagliata e potrebbe portare verso l’insuccesso.

Vediamo, quindi, come poter cogliere l’occasione di trasformare un problema in opportunità.

Trasformare un problema in opportunità: visualizzate il finale

Come prima cosa, iniziate da ciò che potrebbe succedere se le cose andassero male e cercate di utilizzare il ragionamento “di reverse-engeneering”. Partendo dal finale sarà anche possibile trovare delle soluzioni pratiche da poter utilizzare per evitare che il problema stesso possa ingigantirsi.

In questo modo si avrà un quadro della situazione completo e si potrà guardare alla propria azienda da una nuova prospettiva.

Ad esempio, nel caso in cui il problema sia la mancanza di fondi, sarebbe necessario tendere all’eccesso e pensare a che cosa potrebbe accadere se tali fondi dovessero finire del tutto. Da qui, dopo aver compreso gli effetti negativi del problema, sarà possibile valutare anche le soluzioni.

reverse-engeneering

Una situazione di blocco e le strategie per superarla

Spesso un problema si presenta anche per la sussistenza di una così detta impasse, cioè una situazione di blocco dalla quale sembra impossibile uscire.

In questi casi spesso la soluzione è costituita dalla necessità di effettuare un reset riferito ad alcune procedure messe in atto.

Se un determinato approccio non avrà sortito l’effetto sperato, sarà fondamentale cambiare proprio la “forma” di tale approccio e ricominciare da zero. Anche tale tipo di soluzione consentirà al management dell’azienda, oppure al singolo professionista, di iniziare a vedere le cose sotto un’altra prospettiva.

In fondo, il cambiamento può sempre essere una cosa positiva, anche se inizialmente potrebbe spaventare.

Cambiare punto di vista per trasformare un problema in opportunità

Si è già accennato alla necessità di cambiare il proprio punto di vista, e di acquisire una nuova motivazione nel momento in cui sia necessario affrontare un problema.

Il punto di vista potrebbe diventare quello, ad esempio, della banca che richieda la restituzione di un prestito, oppure di un cliente insoddisfatto. In entrambi i casi, riuscire a vedere che cosa accada nella mente dell’altra persona potrebbe essere la giusta strategia per modificare anche il proprio modo di lavorare.

Perché il cliente è insoddisfatto? Cosa avreste fatto voi per ottenere un servizio migliore? Come vi sareste mossi per soddisfare il vostro bisogno? Tutte queste domande vi porteranno sicuramente a delle soluzioni utili per il vostro problema.

opportunità

Gli elementi controllabili

Cercare di prendersi cura di tutti gli aspetti differenti di un problema può non essere la giusta strategia. Infatti, in molte situazioni un imprenditore potrà avere effetto solo su una parte del problema, mentre dovrà lasciare agli altri una decisione.

Ad esempio, se il problema riguarda una contrattazione che si sta complicando, sarà possibile cercare di modificare la propria strategia e anche il proprio “lato” dell’accordo. Tuttavia, la decisione finale, in merito alla firma del contratto stesso, spetterà alla controparte e non potrete fare molto per modificare il modo di lavorare di un’altra persona.

Cercate, quindi, di dare il meglio di voi in ogni situazione e di utilizzare i sistemi più fruttuosi per approcciare gli altri, ma non focalizzatevi sulla necessità di tenere sempre tutto sotto controllo.

In conclusione

Di fronte ad un problema avrete sempre due tipi di scelte, e potrete intraprendere una strada invece che un’altra.

Potrete decidere di farvi travolgere dal problema stesso e di attendere che questo esplichi completamente tutti i vostri effetti, i quali, però, potrebbero sempre essere piuttosto disastrosi e comportare delle conseguenze notevoli.

Potrete, d’altro canto, prendere la decisione di trasformare il problema in opportunità. Questo può diventare un’occasione per crescere, per cambiare il vostro modus operandi, per acquisire nuovi sistemi per organizzare il vostro lavoro oppure la vostra società.

Grazie al problema potrete imparare a fronteggiare altre difficoltà future con maggiore sicurezza e anche il vostro team, se ben governato, saprà seguirvi su questa linea di condotta.

Ecco perché l’approccio positivo e attivo sarà sempre il migliore, anche nelle situazioni senza un’apparente via d’uscita.

 

 

Potrebbe interessarti anche

WhatsApp chat