Marketing Digitale: come sta cambiando nel 2019

Come sta cambiando il Marketing Digitale

È la storia del Marketing Digitale, nel momento in cui ti abitui e prendi famigliarità con le sue tattiche, ecco che ne nascono altre. Per il 2019 erano previste nuove tendenze nel mondo del digital marketing e devo dire che sono arrivare e si stanno affermando.

Sia che ne siate a conoscenza, ma ancora di più se vi siete persi questi cambiamenti, vi può essere utile leggere il mio articolo in cui ripercorro i trend previsti per il presente e il futuro in questo ambito. Ogni anno il digitale presenta novità e differenze, per riuscire a stare al passo con la trasformazione è indispensabile rimanere informati.

Oggi un business di successo non può più essere slegato dal web: le vendite tradizionali sono state integrate con quelle online che, da sole, superano il 10% del fatturato totale di un’attività.

Le imprese che negli ultimi anni hanno iniziato a digitalizzarsi stanno godendo di un netto aumento nel volume degli affari.

Ma la rivoluzione digitale non avviene nell’arco di una notte. Le strategie di web marketing per un business di successo richiedono conoscenze, applicazione, sperimentazione e una continua formazione sulle sue novità.

I cambiamenti nel Marketing Digitale

In poche parole, il marketing digitale non può essere ignorato. I tempi sono cambiati e per soddisfare le esigenze dei clienti, le aziende devono adeguarsi alla trasformazione.

Se vuoi raggiungere le persone devi essere attivo online. Quello è il luogo principale dove gli utenti cercano promozioni, offerte, prodotti, servizi, occasioni e novità del mercato.

L’influenza del panorama digitale è in crescita costante. L’immediatezza e la facilità nel consumare contenuti digitali ha reso Internet il posto ideale dove fare acquisti, cercare informazioni e consigli, restare in contatto, comunicare e tanto altro.

Ma è risaputo anche che la concorrenza è tanta e per essere presenti sul web in maniera efficace è necessario sfruttare le strategie giuste.

Quindi, facciamo un tuffo all’interno di questi cambiamenti e vediamo cosa propone il marketing digitale per il 2019.

1. Approccio Omni-canale

Questa non è una novità del tutto recente, ma è sicuramente una tendenza del marketing digitale che si sta intensificando e diffondendo. Se vuoi lavorare davvero a vantaggio della tua attività e ottenere sempre più visibilità, non focalizzarti su un solo canale di comunicazione.

Sempre di più funziona la comunicazione diffusa. Puoi raggiungere i tuoi clienti sul web in generale, su differenti social, attraverso le mail e tanto altro. Se usi una delle strategie del digital marketing, non vuol dire che devi escludere le altre.

Anzi, diversi canali permettono diverse tipologie di comunicazione e ti consentono di intercettare vari target di riferimento. Perciò, se non utilizzi tutti i canali a tua disposizione, il tuo business non andrà altrettanto bene.

Presta sempre attenzione però alla scelta dei tuoi mezzi di comunicazione. Ce ne saranno sicuramente alcuni che si adattano meglio alle tue esigenze, mentre altri meno. Trova i canali adatti a te e al tuo tipo di comunicazione e al tuo brand e, di questi, non escluderne neanche uno.

marketing digitale
Il marketing digitale diventa omnicanale

2. Ricerca vocale

La ricerca vocale è la nuova interazione tra uomo e macchina. Oltre a digitare, siamo sempre più abituati a “parlare” con i dispositivi mobili, con gli assistenti vocali e intelligenti. La ricerca vocale è più rapida, immediata e facile da effettuare anche in movimento o mentre si è occupati a fare altro.

Questa è una tendenza assolutamente da non sottovalutare per chiunque abbia un’attività presente online e per tutti i professionisti del marketing digitale. Secondo una ricerca di ComScore, nel 2020 il 50% di tutte le ricerche avverrà con l’uso della voce. Questa modalità è in voga soprattutto tra i nativi digitali che sono i consumatori del futuro, cioè quelli a cui devi puntare per la prosperità del tuo business.

Certo, non devi dimenticare i clienti attuali che ti permetteranno di arrivare al domani che ci si prospetta!

Quindi, è arrivato il momento di inserire la ricerca vocale nei tuoi piani di marketing digitale. Cavalca l’onda del cambiamento e divora il mercato prima dei tuoi concorrenti.

3. Ottimizzazione delle conversioni

Google è sempre in fase di aggiornamento. Per esempio nel 2016 ci sono stati 11 aggiornamenti dell’algoritmo, nel 2017 sono stati 13 e 12 nel 2018. Insomma, una buona media ogni anno! Anche se alcuni sono stati confermati, mentre altri no.

Ma cosa fa Google in ogni aggiornamento? In generale, il motore di ricerca più utilizzato al mondo, vuole dare agli utenti dei contenuti di qualità perciò, già nel 2015, Google si è voluto sbarazzare dei siti di spam con contenuti di bassa qualità.

Insomma, non voleva che si posizionassero siti che contenevano migliaia di post di 300 parole che erano contenuti duplicati.

Con un altro aggiornamento, nel 2016, ha voluto penalizzare, o meglio, svalutare quei siti che hanno creato link contenti spam. Ciò significa che coloro che avevano comprato una tonnellata di backlink non inerenti, una volta scoperti, se li sono visti sottrarre.

Gli ultimi aggiornamenti degli algoritmi sono sempre più complessi e tosti, questo perché la tecnologia si evolve velocemente ed è sempre più sofisticata.

Le metriche che vengono analizzate oggi sono quelle che prendono in considerazione il comportamento degli utenti:

  • quanto tempo trascorrono sul sito;
  • quanto ci mettono a tornare sulla pagina di ricerca di Google;
  • quanta è la percentuale di click sul tuo sito.

Google desidera posizionare i siti che gli utenti amano e apprezzano di più in modo che continuino ad utilizzare la piattaforma. Quindi, se tu vuoi che Google ti premi devi capire e mettere al centro dei tuoi pensieri gli utenti.

Prendi in considerazione che quando una persona esegue una ricerca per una determinata parola chiave, sta cercando una soluzione ad un problema. Quindi, cerca di capire le esigenze dei clienti e fornisci loro informazioni e soluzioni. Dunque, rendi il tuo sito sempre più bello, performante e user-friendly.

marketing digitale
La tecnologia si trasforma in continuazione

4. Content Marketing

I cambiamenti del marketing digitale influiscono anche su quello che è stato definito il re indiscusso: il contenuto. Prima Google aveva fame di contenuti perché ne era carente. Fino a qualche anno fa non c’erano così tanti siti o blog, quindi il mondo online era più facile da gestire e da vivere.

Ma adesso di contenuti ce ne sono di tutte le forme, i colori e i gusti. Quindi, quelli che davvero vengono apprezzati sono i contenuti utili e di qualità. Le selezioni all’ingresso per il posizionamento del tuo sito web sono diventate più severe. Non si tratta più solo di backlink o di ottimizzazione on-page, ma si tratta di fornire ciò che è meglio per l’utente finale.

Questo cosa significa? Che Google premierà contenuti nuovi, originali, personalizzati. È necessario aggiornare i contenuti precedenti e renderli sempre più qualificati per il motore di ricerca.

5. Video Marketing

Nel momento in cui si parla di contenuti si pensa subito ai testi scritti, ma oggi è bene sfruttare anche altri tipi di linguaggio: i video. Le immagini attirano sempre di più l’attenzione, sono immediate e catturano l’occhio. Il video marketing è la nuova frontiera della comunicazione e non può mancare nel tuo piano di digital marketing.

Non concentrarti solo su Google, ma pensa anche alle altre piattaforme come Youtube. Gli utenti sono sempre più alla ricerca di video che gli diano informazioni, recensioni, insegnamenti e quant’altro. Le persone tendono a prediligere i video rispetto ai testi perché richiedono un diverso livello di concentrazione e sono sicuramente più coinvolgenti.

Anche in questo caso è importante fornire contenuti di qualità, sia dal punto di vista delle parole che della grafica.

6. Podcast

Per restare in tema di contenuti e di nuove piattaforme da conquistare, parliamo dei podcast. I contenuti audio non sono di recente invenzione, ma hanno passato diverse fasi. La loro nascita viene fatta risalire nell’arco temporale tra il 2000 e il 2009, ma la loro popolarità non è mai stata costante. Anzi, hanno subito un grave arresto, ma di recente hanno avuto un notevole ritorno di fiamma. Questa tendenza verso i podcast sembra addirittura essere in aumento: nuovi utenti, nuovi ascoltatori, nuovi canali.

Se si parla di agilità di informazione e immediatezza, anche i podcast si posizionano benissimo, non escluderli a priori dal tuo marketing digitale. Questi audio sono fruibili ovunque e in qualsiasi momento, basta avere un paio di auricolari. Ognuno, però, deve fare una riflessione sulla propria situazione e capire come meglio sfruttare i podcast a proprio favore.

Anche se non si tratta di un brano musicale, ma di una voce registrata, la sua fruizione avviene come l’ascolto della musica, solo con un po’ più di impegno da parte dell’utente. Anche in questo caso è bene fornire dei contenuti interessanti affinché vengano apprezzati e ricercati dalle persone.

I podcast sono un buon modo per creare un legame con i clienti, quindi adatti ad attività di branding e fidelizzazione.

7. Funnel Marketing

Credo che tu abbia sentito parlare di canalizzazioni di marketing o di vendita, ma li stai utilizzando?

Non si tratta solo di una sequenza di email, il funnel marketing è molto di più e costituisce davvero un vantaggio per il tuo business. Le pubblicità stanno diventando sempre più costose e così anche le pratiche di marketing digitale, poiché la concorrenza è tanta.

Il modo migliore per generare entrate non è solo ottenere più clienti, ma fare in modo che i tuoi clienti già acquisiti comprino maggiormente da te.

Infatti, con tutta la fatica che si fa a conquistare un cliente effettivo, non è proprio il caso che te lo lasci scappare. Anzi, devi mettete in moto una serie di meccanismi che lo portino ad essere fedele a te e al tuo brand.

Offri una serie di upsell o downsell e potrai vedere un aumento delle tue entrate dal 10 % al 30%. Insomma, dai ai tuoi clienti la possibilità di scegliere e di sentire la sicurezza e il senso di libertà che regala la possibilità di fare le cose.

Mi spiego meglio, se un cliente desidera il tuo prodotto o servizio, ma questo ha un prezzo troppo elevato, dagli la possibilità di avere un prodotto o un servizio simile ad un prezzo minore oppure di poterlo pagare a rate.

Cerca sempre il dialogo con le persone, non costruire muri ma rendi possibile per loro ottenere ciò che desiderano. Tutto questo si può fare costruendo un imbuto di marketing che ti consente di creare una relazione con le persone e di capire in quale fase del processo di canalizzazione si trovano. Ad ogni fase corrisponde un tipo di comunicazione e di approccio.

Conclusione

Anche il 2019 è un anno ricco di sorprese in ambito tecnologico e nel marketing digitale. Non ci resta che accogliere il cambiamento e stare all’occhio per capire cosa funziona e cosa no.

La tecnologia è sempre più sofisticata e ci sono cose come l’Intelligenza Artificiale e il machine learning che bussano a quella porta che si apre sul futuro.

Io dico, nessuna paura ma tanta curiosità di capire e vedere dove stiamo andando.

Per approfondimenti:

Potrebbe piacerti anche