Come ottenere il posizionamento su Google del tuo sito web - Mirko Cuneo

Come ottenere il posizionamento su Google del tuo sito web

di Mirko Cuneo

clock image13 minuti

posizionamento su google

Pensi che rientrare nelle prime posizioni dei risultati di Google quando un utente effettua una ricerca sia fondamentale per far ottenere alla tua azienda tanti vantaggi positivi?

Hai ragione, lo è.

Un flusso di visite costanti, più lead lasciati, più problemi risolti. Questi sono solo alcuni dei benefici che il posizionamento su Google porta con sé.

Se vuoi che anche la tua azienda ottenga questa visibilità e questo ruolo autorevole sul web, devi dedicarti assolutamente al posizionamento del sito web aziendale.

Google è il motore di ricerca preferito dal 95% degli utenti a livello mondiale, ecco perché lavorare alla tua visibilità su Google è fondamentale.

Hai già provato a scrivere qualche contenuto ma non sei riuscito ad entrare nella prima pagina? Gli accorgimenti tecnici ti sembrano troppo difficili da implementare? Non sai da che parte cominciare?

Guarda il mio video per farti subito un’idea di tutto quello che ti serve per apparire in prima pagina su Google.

Per riuscire in questa impresa hai bisogno di avere ben presenti gli elementi che ti consentono di ottenere delle buone posizioni e poi devi rivolgerti ad un esperto che metta tutto in pratica. Ricorda che se commetti errori anche su uno solo di questi aspetti, il tuo sito potrebbe essere penalizzato.

Ti aiuterò io ad evitare tutto questo spiegandoti come sfruttare la disciplina del web marketing che si occupa proprio di questo, ossia la famosa SEO.

Partiamo!

Perché è importante il posizionamento del tuo sito su Google?

Iniziamo con un esempio pratico per capire l’importanza di un buon posizionamento su Google.

Ipotizziamo che tu stia cercando un itinerario da percorrere con la bicicletta in Lombardia. Vai su Google e digiti “Migliori itinerari per bici in Lombardia”.

Quali risultati consulterai? Aprirai sicuramente i primi tre o quattro link, poi leggerai i titoli dei rimanenti contenuti in prima pagina su Google per vedere quali ti ispirano di più.

Se sei molto interessato, e hai tanto tempo da dedicare alla ricerca, forse potresti arrivare ai primi risultati della seconda pagina. Ma né io né te possiamo mettere la mano sul fuoco per dire che lo farai.

È comprensibile, questo è il comportamento della maggior parte degli utenti. Nel momento in cui effettuano una ricerca su Google con il fine di ottenere delle informazioni che chiariscano un dubbio o soddisfino un’esigenza, si concentreranno sui primi risultati che ottengono.

Ecco l’importanza di essere in prima pagina.

Tempo fa si parlava di rientrare nel famigerato “triangolo d’oro”, ossia i primi tre risultati della prima pagina. Oggi questa verità universale è stata superata, tuttavia è comunque indispensabile che le tue pagine appaiano fra le prime.

Più utenti significa più potenziali clienti e più vendite realizzate, non dimenticare mai questa sequenza.

Posizionamento su Google Vs Indicizzazione

Mirko, spesso sento parlare sia di posizionamento sia di indicizzazione. Sono la stessa cosa?

Questo è uno degli errori più comuni che si possono leggere sul web e ci tengo a chiarire che tra questi due concetti esiste una profonda differenza.

Per capire cosa significa il termine indicizzazione, devi sapere che i link rientranti nei risultati di ricerca di Google si trovano in una sorta di indice. Tuttavia, non è detto che una pagina web rientri per forza nell’indice di Google.

Come sapere se una pagina è nell’indice di Google, quindi indicizzata? Facile. Apri Google e digita nella barra di ricerca site: url della pagina. Se ti appare fra i risultati significa che adesso il tuo sito è presente sul motore di ricerca.

Se vuoi approfondire questo tema, leggi l’articolo su come indicizzare il tuo sito su Google. Troverai delle informazioni anche un po’ più tecniche per soddisfare la tua curiosità a riguardo.

Adesso passiamo, invece, al concetto di posizionamento. Questo ti permette di ottenere visibilità sul motore di ricerca. Il posizionamento avviene per determinate parole chiave, quelle che hai inserito all’interno del contenuto stesso.

Ti sembra ancora un argomento complesso fin qui? Abbiamo già iniziato a fare un po’ di chiarezza e ora dissiperemo ogni dubbio analizzando passo a passo come si costruisce il posizionamento su Google.

posizionamento su google vs indicizzazione

Come posizionare le tue pagine web su Google

Esiste una branca del web marketing che si occupa proprio del posizionamento delle pagine web su Google. Mi riferisco alle strategie SEO.

Ne hai già sentito parlare?

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization ed è tutto quell’insieme di attività necessarie affinché una pagina rientri all’interno della prima schermata di risultati di Google.

Un aspetto importante da capire quando si parla di posizionamento di una pagina è il fatto che questa non apparirà sempre fra i primi risultati qualunque sia la ricerca effettuata dall’utente.

Bensì, la tua pagina si posizionerà per una o più parole chiave specifiche che vengono scelte in fase di creazione.

Ti sembra complicato? Facciamo un esempio.

La tua azienda vende condizionatori? Potresti scrivere un contenuto su “Come pulire il condizionatore” e, nel momento in cui gli utenti effettueranno questa specifica ricerca su Google, apparirà la tua pagina fra i primi risultati.

L’errore che commettono in tanti pensando alla SEO è il fatto che basti inserire qualche parola chiave all’interno di un articolo o di una pagina per vedere magicamente apparire il proprio sito in pole position sopra agli altri.

Non è esattamente così.

Sono tanti gli aspetti che compongono la SEO e la buona cura di ognuno di questi porta ai risultati sperati.

Ecco perché devi conoscerli tutti se vuoi migliorare il posizionamento di un sito sul web.

posizionamento su google
Cosa ti serve per il posizionamento del tuo sito web su Google

1. Avere un sito web che funziona

Qual è la sede delle tue pagine? Il sito web. Quello è il contenitore di tutti i tuoi contenuti e, se vuoi che le pagine funzionino, deve funzionare anche il sito stesso.

Cosa intendo quando dico che il sito deve funzionare? Mi riferisco al fatto che deve avere una struttura ben precisa con i contenuti organizzati in modo chiaro ed ordinato. Questo è il primo passo per renderlo performante.

Alcuni aspetti incidono più di altri sulle performance del tuo sito web, in primis la velocità di caricamento delle pagine. Puoi aver costruito un sito perfetto ma se i file sono troppo pesanti, oppure hai inserito troppe estensioni non indispensabili sulla piattaforma, la velocità del sito potrebbe essere fortemente penalizzata. Considera che questo è uno degli aspetti che sta più a cuore a Google.

Subito dopo questo, troviamo l’importanza della visualizzazione da mobile. Secondo il report Global Digital Report 2020 di We Are Social insieme ad Hootsuite, 5,19 miliardi di utenti a livello mondiale utilizzano il mobile sia per le app che per la navigazione sul web.

Infine, il tuo sito deve essere SEO friendly. Cosa significa? Che deve essere predisposto per poter svolgere correttamente le attività di SEO.

2. Migliorare l’esperienza degli utenti

Dopo esserti preoccupato di controllare che il tuo sito abbia una struttura in grado di performare al meglio, devi occuparti di uno degli aspetti più importanti per un’azienda. L’esperienza utente.

Eh sì, l’utente deve essere sempre al centro dei tuoi pensieri.

Se il tuo sito web non è facilmente fruibile da parte degli utenti, anche il tuo posizionamento su Google viene compromesso e, di conseguenza, la quantità di vendite realizzate.

Sono diversi gli elementi che possono rendere semplice oppure difficile la navigazione. Partiamo parlando del template. Ogni sito ha una propria struttura e un cosiddetto design. È importante che questo piaccia a te ma non devi mai dimenticare che deve essere anche funzionale.

Se i tuoi clienti non riescono a trovare velocemente tutto ciò che cercano, il sito può essere visivamente molto bello ma lo abbandoneranno subito.

Lo stesso discorso può essere fatto per quanto concerne la semplicità di navigazione. I pulsanti sono ben visibili? Il menù è chiaro? Le categorie sono ben identificate?

Da tutti questi elementi dipende la qualità della navigazione da parte degli utenti. Ma non solo, anche Google tiene in considerazione questo aspetto quando decide quali sono i siti migliori da mostrare agli utenti nel momento in cui effettuano una ricerca.

3. Fare la ricerca delle parole chiave

Nonostante gli aspetti appena visti siano essenziali per la buona riuscita del posizionamento su Google, un ruolo significativo viene giocato dalle parole chiave.

Cosa si intende per parole chiave? Sono esattamente le parole per le quali vuoi essere trovato su Google. Per fare qualche esempio, “gelateria Milano”, “esperto di orologi d’epoca”, “negozio di toelettatura per cani”.

Tuttavia, se il tuo sito è ancora giovane e non ha molta autorevolezza su Google, ti consiglio di concentrarti sulle parole long tail, o “a coda lunga”. 

Mirko hai perso il lume della ragione?

Lo so che l’espressione è simpatica, ma è proprio questo il termine tecnico. Una normale parola chiave, o keyword, può essere “gelateria Milano” mentre una long tail può essere “Cosa vedere a Barcellona in estate”.

Come vedi esiste una bella differenza tra questi esempi. Le normali keyword sono composte da una o due parole, mentre le long tail da tre o più parole.

posizionamento su google - ricerca delle parole chiave

Come si individuano le giuste parole chiave? Unendo le tue idee ai software.

Prima di tutto devi avere un’idea di base degli argomenti che riguardano la tua nicchia di mercato.

Dopodiché, puoi ricorrere all’utilizzo di software che ti consentano di trovare le parole chiave maggiormente cercate dagli utenti, quelle stagionali, oppure che ti aiutino a trovare argomenti correlati interessanti. Te ne elenco alcuni: Ubersuggest, Google Trends, Answer The Public, Keyword Tool.

4. Produrre contenuti di qualità

Per tanto tempo si è letto sul web “Content is the king”.

Nel corso di questa analisi su come ottenere un ottimo posizionamento su Google sto cercando di dimostrarti che sono tanti gli aspetti a concorrere.

Tuttavia, hai assolutamente bisogno di contenuti da mostrare agli utenti. E non solo, questi contenuti devono anche essere di elevata qualità.

Infatti, uno dei fattori chiave che incide sull’ottimizzazione SEO è proprio la tipologia di contenuto che pubblichi.

Se crei un blog post lungo, ben strutturato, che fornisce le risposte cercate dagli utenti e nel quale riesci ad inserire tutte le parole chiave necessarie, Google lo percepirà come di grande valore rispetto ad un contenuto di poche righe che non fornisce alcun valore aggiunto.

Non a caso esiste un ambito del marketing che si occupa proprio della produzione di contenuti: il content marketing.

La pubblicazione dei contenuti dev’essere pensata, organizzata e distribuita in modo uniforme. In questo può aiutarti il piano editoriale, ossia un calendario con l’indicazione dettagliata dei contenuti da pubblicare giorno per giorno.

5. Ottimizzazione SEO dei contenuti

Oltre alla scelta delle parole chiave, e al giusto inserimento all’interno del contenuto, sono altri gli aspetti che devi considerare se vuoi ottenere un buon posizionamento SEO.

Due elementi principali di cui ti devi occupare sono il titolo e la descrizione, cioè quella parte testuale che vedi apparire per ogni risultato proposto da Google. Entrambi devono essere accattivanti ma devono anche contenere la parola chiave principale.

Tutto questo, insieme alla scelta delle parole chiave, è importante per capire come scrivere un articolo di blog in grado di posizionarsi al meglio su Google.

Anche i media, come le immagini e i video che inserisci nella tua pagina devono essere completi di testo alternativo e descrizione.

Insomma, ogni contenuto che appare sul tuo sito web deve essere attraente per l’utente ma avere anche le caratteristiche specifiche affinché risulti di valore per Google.

6. Costruzione di una rete di link: Link Building

Ti voglio citare anche questo argomento, nonostante sia abbastanza tecnico e di solito di maggiore interesse per i professionisti del settore.

La SEO non si costruisce solo internamente al sito, ma anche esternamente. Questo avviene tramite la giusta scelta dei link.

Un elemento così semplice come un link può fare la differenza? Assolutamente sì.

Si parla infatti di link building. Con questo termine si intende la creazione di una rete di link fra il tuo sito e i siti altrui.

Per Google i link sono molto importanti, sia quelli in entrata che quelli in uscita.

Nel momento in cui inserisci un link all’interno di un tuo contenuto, devi stare attento che si tratti di una fonte autorevole e del settore, per non ottenere penalizzazioni sulla qualità del blog post.

Viceversa, quando un sito inserisce all’interno delle sue pagine un link che rimanda al tuo, il cosiddetto backlink, anch’esso tramanda un link che ha un certo peso.

Se il sito che fornisce il backlink è autorevole e ben posizionato, di conseguenza anche il tuo ne gioverà. Viceversa, lo penalizzerà se il sito che ti fornisce il backlink ha una cattiva reputazione agli occhi del motore di ricerca.

Più collezioni backlink di qualità, più l’autorità del tuo sito migliorerà.

È molto importante controllare costantemente attraverso strumenti per l’analisi dei backlink se i link che rimandano al tuo sito sono di qualità o meno. Se non lo sono, devi rimuovere quelli negativi.

posizionamento su google - algoritmo

Il nuovo algoritmo di posizionamento di Google

E adesso una curiosità sull’anima del motore di ricerca più famoso e utilizzato.

L’algoritmo con cui Google crea la classifica dei risultati di ricerca che intende mostrare è in continua evoluzione. Oggi sta utilizzando un nuovo algoritmo, uno strumento di posizionamento.

Facciamo una breve premessa. Cosa determina il posizionamento su Google di una pagina web piuttosto di un’altra? Il contenuto.

Generalmente Google mostra per primi i risultati che, secondo la sua analisi, rispondono meglio all’intento di ricerca dell’utente.

Il nuovo algoritmo tuttavia non prende in considerazione solo ed esclusivamente le parole chiave inserite nella pagina, ma anche tutto il contenuto del sito web in generale.

Un esempio? Il tuo sito fornisce consigli sul campeggio e magari potrebbe contenere anche delle recensioni di campeggi in Italia.

Il nuovo algoritmo, ancora più dei precedenti, punta a premiare i contenuti di qualità. Questi, più altri fattori riguardanti il sito, ti consentono di ottenere un punteggio alto.

Più riuscirai a scalare la classifica di Google, più le tue pagine otterranno visite da parte degli utenti e questo ti permetterà di incrementare le vendite e i profitti della tua azienda.

Conclusione

Riuscire ad ottenere un buon posizionamento su Google, come tante strategie di marketing, rappresenta una vera e propria arte.

Non puoi permetterti di concentrarti su un unico aspetto, ma devi creare un equilibrio perfetto fra più fattori.

Ricapitolando: il tuo sito web deve essere perfettamente funzionante e veloce, ti devi occupare dell’esperienza dei tuoi utenti, devi scegliere le giuste parole chiave, produrre contenuti di qualità ed ottimizzarli sia dal punto di vista della SEO on page (quella interna al sito) sia della SEO off page (quella esterna e determinata dalla qualità dei backlink).

Controllando al meglio tutti questi elementi, riuscirai ad offrire un prodotto di qualità che soddisferà gli utenti.

È importante anche tenere costantemente monitorato e aggiornato il sito web per non farti cogliere impreparato dai cambi di algoritmo di Google.

Lo so, sembra tutto molto complicato, ma la cosa essenziale è che tu comprenda l’importanza di applicare tutte queste strategie al tuo sito web. Poi per metterla in pratica ci sono gli esperti, come quelli del mio team che ti posso mettere a disposizione per aiutarti ad ottenere il massimo per il tuo business.

Se vuoi approfondire la strategia da applicare al tuo caso specifico insieme ai miei esperti, contattami per una consulenza.

Inoltre, segui il mio blog e dai un’occhiata a tutti i contenuti di Vendita, Marketing e Mindset espressamente dedicati agli imprenditori e ai professionisti che non vogliono farsi trovare impreparati ma che desiderano il meglio per la propria attività.

Sei già sulla buona strada!

image of Mirko Cuneo

Mirko Cuneo

Aiuto aziende e professionisti a potenziare il proprio business, in modo che possano aumentare i propri guadagni, clienti e la rispettabilità del proprio brand.

Ti serve aiuto? Clicca QUI

Nessun commento

Commenta