Come usare i social media per la tua campagna di crowdfunding

Vuoi lanciare una campagna di crowdfunding per un progetto personale?

Affinché abbia successo, e tu possa raggiungere la cifra che ti sei prefissato per iniziare a mettere in pratica la tua idea, devi pubblicizzare la campagna in un luogo in cui si trovano tantissime persone.

Ti viene in mente qualcosa?

Esatto, i social media.

Queste piattaforme racchiudono al loro interno un bacino di utenza di miliardi di persone e sono il luogo con il potenziale più ampio per la tua campagna di crowdfunding.

Vediamo subito cos’è il crowdfunding e come puoi sfruttare i social media per ottenere ottimi risultati.

Cos’è il crowdfunding?

Prima di parlare delle strategie da attuare attraverso i social media, cerchiamo di capire meglio cosa intendiamo quando parliamo di crowdfunding.

Il crowdfunding è una raccolta fondi che viene attuata grazie a cifre donate da persone che appoggiano quella determinata causa o progetto.

Generalmente la raccolta viene lanciata su Internet. Esistono piattaforme create appositamente per questo scopo, ma sono spesso sconosciute alle grandi masse.

Per questo è nata la possibilità di lanciare raccolte di crowdfunding nei luoghi in cui tutto il mondo si ritrova ogni giorno: i social media.

Quali social media vengono utilizzati maggiormente per fare crowdfunding?

Lo scopo di una campagna di crowdfunding è quella di ottenere sovvenzioni dal gruppo più ampio possibile di persone.

Quindi, dovrai scegliere il social media più adatto tenendo ben presente questo scopo finale. È un passaggio fondamentale e devi considerare diversi fattori.

Scegli il social media in cui hai più follower e attraverso il quale eserciti più influenza. Questi dati saranno un’ottima base di partenza per trovare persone interessate alla tua causa.

Secondariamente, considera il social che ti permette di comunicare meglio il tuo progetto.

Come sai, i social media sono molto diversi tra di loro. Su Facebook è possibile pubblicare tantissime tipologie di contenuti, Instagram funziona attraverso immagini e video, mentre Twitter e LinkedIn sono perfetti per messaggi brevi e professionali.

crowdfunding social media campagna

Questo per farti qualche esempio del diverso funzionamento delle piattaforme principalmente utilizzate dagli utenti di tutto il mondo.

I due social in cui è preferibile lanciare una campagna di crowdfunding sono Facebook e Twitter, per la varietà di contenuti che possono essere pubblicati e per le tante funzionalità che mettono a disposizione.

Tuttavia, anche Instagram e LinkedIn possono rappresentare una scelta interessante.

Come sfruttare Facebook per il crowdfunding

Hai già una pagina Facebook con molti follower? Vorresti sfruttarla per lanciare la tua campagna di crowdfunding?

Devo dirtelo, probabilmente non è la migliore scelta che tu possa fare.

Non a caso ti ho detto di sfruttare il social media in cui ti senti più influente.

La strategia migliore da seguire per lanciare una campagna di crowdfunding su Facebook è quella di creare una pagina apposita con la quale esporre il progetto che vuoi realizzare o la causa che persegui, e per la quale ti servono fondi.

Dopodiché, puoi anche condividere i contenuti di questa pagina sulla la tua pagina madre nella quale hai già un seguito, per trovare seguaci immediati.

Sulla pagina devi pubblicare informazioni importanti, i risultati che raggiungi man mano, i ringraziamenti a coloro che collaborano al progetto e tutti gli aggiornamenti che ti sembrano importanti per il tuo pubblico.

Inizia a creare contenuti

Dopo aver creato la pagina sulla piattaforma di social media, devi iniziare a pubblicare i tuoi contenuti.

Qual è l’obiettivo?

Da una parte, quello di informare i tuoi sostenitori, dall’altra quello di incentivare sempre più persone a donare una somma in favore della causa.

I primi messaggi che dovrai creare sono quelli informativi e rappresenteranno la maggior parte della tua produzione.

Non puntare subito alla vendita, suonerebbe troppo commerciale, e verrebbe meno la parte idealistica che è alle spalle di una raccolta fondi.

Condividi informazioni interessanti, curiosità, prodotti ecc.

Il secondo contenuto indispensabile per ottenere conversioni è costituito dal raccontare le storie dei tuoi collaboratori, i casi di successo, le azioni che vengono poste in essere ogni giorno.

Questo permetterà ai tuoi fan di sentirsi parte di qualcosa.

Infine, scrivi qualche messaggio di vendita per incentivare gli utenti a donare.

crowdfunding su facebook
Esempio di campagna crowdfunding su Facebook

Scegli un hashtag per la campagna

Per creare ancora più engagement attorno alla tua campagna di crowdfunding, scegli un hashtag specifico che possa essere utilizzato in tutte le comunicazioni, sia nei post da te creati sia in quelli condivisi dal pubblico.

Non serve solamente per generare maggior coinvolgimento attorno al progetto, ma è fondamentale per riuscire a tenere sotto controllo tutto quello che viene pubblicato sull’argomento e per poterlo gestire.

Espandi il tuo progetto di crowdfunding

La seconda piattaforma da sfruttare per il crowdfunding è Twitter.

Come mai?

Perché qui si trovano tutti coloro che lavorano nella stampa e nei media.

Vedendo un tuo post sulla campagna potrebbero appassionarsi e dare ancora più risalto alla causa, facendoti guadagnare molte più donazioni di quelle che otterresti solamente con il tuo lavoro.

crowdfunding twitter
esempio di crowdfunding su Twitter

Come vedi, i social media racchiudono al loro interno un potenziale enorme per chi vuole cimentarsi nel crowdfunding.

Conclusioni

Se desideri approfondire il ruolo che i social media ricoprono all’interno di una campagna di crowdfunding, non esitare a scrivermi.

Sarò felice di consigliarti una strategia per il tuo caso specifico.


Vuoi far crescere la tua azienda grazie al web?

Questo libro è un vero manuale di sopravvivenza digitale per l’impresa del futuro. Scopri tutte le strategie per ottenere successo grazie al web e governa da protagonista la trasformazione digitale della tua azienda.


Potrebbe piacerti anche