Come lanciare il proprio brand: ecco le strategie efficaci

di Mirko Cuneo

clock image6 minuti

lanciare il proprio brand

Il lancio di un nuovo brand è un evento entusiasmante che segna una tappa essenziale nella vita di ogni imprenditore.

Tuttavia, è solo l’inizio di un grande viaggio che comprende lo studio di discipline come il marketing, il personal branding e lo storytelling, quindi essere preparati è importante.

Un buon inizio è cruciale per ogni attività, soprattutto quando lanci un nuovo brand, perché deve essere presentato nel miglior modo possibile.

Ogni potenziale imprenditore dovrebbe conoscere gli elementi essenziali del lancio di un nuovo brand perché consentono di risparmiare molto tempo e denaro.

Un nuovo brand ha bisogno di trovare subito dei clienti, ma il problema principale è che nessuno sa nemmeno che esisti ancora.

Cosa si deve fare allora? Bisogna trovare un nuovo pubblico, acquisire nuovi clienti e iniziare a vendere il più possibile. Ma ovviamente non è un procedimento facile.

Molte aziende allora decidono di partire utilizzando campagne di PR. Fra queste ricordiamo Google, Facebook, Snapchat e Twitter.

D’altronde, lo dice anche la terza legge immutabile del marketing: 

I brand si costruiscono con le PR e si difendono con l’advertising.

Ma perché un brand deve lavorare con le PR? In che modo le pubbliche relazioni possono aiutarlo a lanciarsi e a trovare nuovi clienti?

La risposta a questa domanda è molto semplice. Quando nasce un nuovo brand, non c’è nessuno al mondo che lo conosce e che sa di cosa si occupa. Per questo è importante comunicare cosa c’è di diverso rispetto la concorrenza, e qual è il posizionamento che intende occupare.

In ogni caso, è possibile anche lanciare il proprio brand con campagne di pubblicità e advertising.

Creare e promuovere un brand di successo

Una delle strategie più efficaci per lanciare il proprio brand con l’advertising e le campagne pubblicitarie digital è quello di creare una offerta lancio disponibile dal giorno dell’apertura del nuovo store, e-commerce o negozio locale.

Uno dei modi per farlo è quello di costruire una landing page con un timer, un’offerta e un form per raccogliere i dati di contatto delle persone interessate.

Con questa strategia, anche se il brand non è ancora stato lanciato sul mercato ed i prodotti non sono ancora disponibili, sarà possibile iniziare a raccogliere i nominativi, le email e magari anche i numeri di telefono di persone potenzialmente interessate ad acquistare il tuo nuovo prodotto o servizio.

Se rendi il lancio del tuo brand un evento entusiasmante e imperdibile per il pubblico, le persone faranno il conto alla rovescia aspettando la data di uscita. Quando cerchi di creare hype per il tuo brand, crea un piccolo alone di mistero; prova quindi non rivelare troppi dettagli sul tuo prodotto prima del lancio.

Stuzzicare i tuoi follower con sottili suggerimenti sui social media, creare video che suscitano entusiasmo e creare un conto alla rovescia per il lancio del tuo nuovo sito web sono solo alcune delle tattiche che puoi usare per creare attesa.

Apple ad esempio utilizza i video per stuzzicare il pubblico sul lancio dei suoi ultimi prodotti, rivelando quel tanto che basta per suscitare l’interesse dei fan.

Ovviamente, se si ha a disposizione un budget importante, le due strategie che abbiamo visto finora di PR e di advertising possono essere usate in contemporanea. Sono due strumenti complementari che lavorano benissimo insieme.

In ogni caso, bisogna sempre seguire una strategia ben definita e analizzare nel dettaglio ogni singolo processo. Se vuoi lanciare un brand con successo, devi pensare a tutto. Anche a come sfruttare canali di acquisizione clienti a basso costo, come il passaparola e i referral.

come lanciare il proprio brand

Come far decollare un brand con i referral

Secondo il Global Trust in Advertising Survey di Nielsen, il 92% degli intervistati in 56 Paesi diversi ha affermato di fidarsi dei consigli del passaparola di amici e familiari sopra ogni altra forma di advertising e pubblicità. L’introduzione di un nuovo brand da parte di un amico fidato è incredibilmente potente e può ridurre in modo significativo il tempo che intercorre tra la scoperta di un nuovo marchio e il suo primo acquisto.

Uno degli esempi più eclatanti di passaparola è quello della campagna di lancio di Harry’s, un servizio in abbonamento di lamette da barba per uomo che ha raccolto più di 100.000 email durante la sua campagna di lancio. 

Per riuscirci, durante la fase di lancio è stata creata una promozione particolare, che ha spinto le persone interessate al prodotto ad invitare i loro amici o parenti per avere in regalo le proprie lamette. Ed ha funzionato alla grande!

Harry’s è stata lanciata nel 2013, e dopo soli sei anni è stata venduta per un valore di un miliardo e mezzo. E tutto ciò non sarebbe stato possibile se il lancio del brand non fosse stato così efficace.

Testare e migliorare il lancio grazie ai feedback

I feedback sono fondamentali per le campagne di lancio di un brand. Grazie ai feedback si possono correggere testi, cambiare le offerte, migliorare tutta la strategia di comunicazione e di conseguenza lanciare il proprio brand al meglio.

Con una campagna di lancio, c’è sempre tempo per modificare il tutto ed ottimizzarlo prima della data di uscita ufficiale. 

Tuttavia, nella promozione è opportuno fare attenzione e non risultare invadenti. Per questo, durante i mesi che anticipano l’uscita di un prodotto, è necessario lanciare il nome del proprio brand con cautela, tenendo in considerazione i feedback ricevuto fino ad ora.

Lanciare un brand con una buona strategia di digital marketing e di comunicazione è fondamentale, ma ascoltare i feedback del mercato è altrettanto importante.

Come creare un brand online con un business coach

Lanciare il proprio brand è un processo che richiede attenzione, esperienza e competenze ben precise. Fallire la campagna di lancio può pregiudicare l’intero progetto e mandare all’aria tutto il lavoro svolto.

In questi casi, la migliore soluzione è quella di lanciare il proprio brand grazie all’aiuto di un Business Coach. Con un business coach potrai valutare insieme la tua strategia, la comunicazione che hai preparato, gli investimenti da affrontare e tanto altro.

Se vuoi lavorare con un business coach potrai avere a disposizione un professionista che saprà aiutarti a definire la strategia di lancio più adatta al tuo caso specifico e potrà farti evitare errori, fallimenti ed investimenti sbagliati.

Richiedi la consulenza gratuita con me, insieme valuteremo se il percorso di business coach fa davvero al caso tuo.

È un’occasione che devi assolutamente sfruttare, prenota subito la tua chiamata gratuita e richiedi la consulenza di business coaching!

image of Mirko Cuneo

Mirko Cuneo

Aiuto aziende e professionisti a potenziare il proprio business, in modo che possano aumentare i propri guadagni, clienti e la rispettabilità del proprio brand.

Ti serve aiuto? Clicca QUI

Nessun commento

Commenta