Pubblicità Online: le domande che fanno innervosire un imprenditore

Come le domande sulla pubblicità online fanno arrabbiare un imprenditore

Quando si parla di pubblicità online ci sono varie scuole di pensiero.

C’è chi crede che fare pubblicità online sia fondamentale per il business, chi ritiene che sia anche bella – se ben fatta – ma inutile, tutto sommato. Ancora chi ne va matto e altri che lo fanno solo se proprio devono.

Io dico che la pubblicità online non è un gioco, anche se può essere divertente. Quindi, affinché si ottengano risultati con questo strumento di marketing deve essere fatta in maniera efficace.

E per fare in modo che la pubblicità online non sia solo una perdita di tempo e di budget, è necessario che gli imprenditori si pongano delle domande e si diano delle risposte.

Io sono un imprenditore e per primo capisco che ci sono delle domande alquanto scomode che gli imprenditori non amano. D’altro canto, mi sono trovato anche dall’altra parte, cioè a porre proprio quelle domande ai clienti che hanno chiesto la mia consulenza.

Vi dico che le reazioni di tutti questi imprenditori con cui ho parlato si assomigliano: iniziano con il disappunto, poi passano alla stizza, per continuare con l’ostilità, l’irritazione e, nei casi peggiori, la collera.

Ma vi dico anche che ci sono degli errori che gli imprenditori commettono e a cui dovrebbero stare attenti per non fare danno al proprio business.

Le domande sulla pubblicità online che irritano gli imprenditori

Non so se a voi è capitato che vi abbiano posto queste domande o se, al contrario, siete stati voi a porle.

Alcuni miei clienti si sono rivolti a me per vari tipi di servizi tra cui fare pubblicità online per la loro attività.

Bene.

Allora, la prima domanda che un professionista del settore fa è “Ok, quanto aveva pensato di spendere in pubblicità online per acquisire un nuovo cliente?”. Ed ecco farsi avanti il disappunto.

Nelle loro teste iniziano a chiedersi “Ma come, sono io che devo pagare per un cliente? Sono i clienti che devono acquistare i miei prodotti o servizi”.

Se poi si incalza chiedendo anche “Che strategia ha utilizzato fino ad ora per la sua pubblicità online?”, “Che caratteristiche ha il suo cliente ideale?”, “Qual è l’offerta con cui riesce a farsi contattare da un maggior numero di clienti?”. E di domande ce ne sono ancora molte!

Ma già con queste i miei clienti passavano per tutte le fasi elencate prima.

Vi state chiedendo perché gli imprenditori si imbestialiscono così? La risposta è che queste sono domande essenziali per qualsiasi business che voglia fare pubblicità online efficace. Ma spesso capita che gli imprenditori non prendano in considerazione tutte queste sfumature e che le web agency a cui si rivolgono non gliele fanno notare.

Così, una volta messi di fronte a questi quesiti a cui rispondere si sentono un po’ incompetenti e un po’ impreparati. E tutto questo fa parte delle cose che gli imprenditori odiano di più. Noi – e mi ci metto anche io – vorremmo essere a conoscenza di tutto, avere sempre le risposte e averci pensato prima. Non si sa a cosa o prima di che cosa, ma comunque “per primi” è sempre meglio!

pubblicità online
Pubblicità Online: come fare innervosire un imprenditore.

Pubblicità online: spesa o investimento?

Un altro motivo per cui le precedenti domande provocano alterazione al sistema nervoso imprenditoriale è che, tra i pensieri, c’è il timore che la pubblicità online sia solo una spesa. O che lo sia stata quella fatta fino a quel momento.

In effetti il rischio c’è. Ogni cosa nel business deve essere un investimento e non una semplice spesa.

Per fare pubblicità online efficace, ogni impresa deve partire da una seria analisi della situazione dell’azienda, del mercato, di come l’azienda si posiziona sul mercato, di quali sono gli obiettivi che vuole raggiungere, a che target si deve riferire. Sono moltissimi gli aspetti da valutare nel mondo del digitale.

La competizione è tanta, ma lo sono anche le opportunità se vengono sfruttati bene gli strumenti che la tecnologia mette a disposizione.

Mi spiace dirlo ma ci sono molte agenzie che lavorano con superficialità e non stanno attende ai dettagli, mentre sono proprio le piccole cose che possono fare la differenza in una strategia di marketing.

Dunque, alla domanda se la pubblicità online è una spesa o un investimento, la mia risposta è “la pubblicità online DEVE essere un investimento”. E come si fa a sapere se è così? Si capisce dai risultati ottenuti.

Per capire se un investimento è effettivamente tale e ha prodotto una conseguenza positiva, bisogna poterlo misurare. Per farlo è necessario avere bene chiaro in testa l’obiettivo che si vuole raggiungere e quali sono i parametri che stabiliscono il successo o il fallimento.

Obiettivi e misurabilità della pubblicità online

Su questi fattori si determina il buon esito di un progetto e vale anche per pubblicità online di un brand o di un’azienda. Per ogni situazione va creata una strategia pensata appositamente, perché ogni impresa ha la propria anima e ciò che funziona in un caso non è detto che funzioni in un altro.

Va creato un piano di marketing personalizzato, fatte delle sperimentazioni ragionate, supervisionare le campagne pubblicitarie. Avere un archivio di dati sull’andamento per capire cosa va e cosa no, apportare le opportune modifiche finché non si ottengono risultati. E così via.

Bisogna sapere in che modo viene speso il budget investito, dall’inizio alla fine. Le agenzie devono fornire i dati necessari agli imprenditori che non sono del settore altrimenti significa che non stanno lavorando bene.

Importantissimo, avere chiaro qual è l’obiettivo finale che può anche essere suddiviso in traguardi più piccoli. Avere degli step intermedi dà la possibilità di sistemare eventuali sbagli durante il processo per poter arrivare al successo finale.

Fare pubblicità online non è un passatempo, ma un lavoro e un impegno di business. Ci sono molte cose che devono essere valutate e che non possono essere date per scontate. Il rischio è di fare del lavoro inutile che diventa uno spreco di tempo e di soldi. E questo nessun imprenditore lo vuole!

Non sottovalutate l’importanza della pubblicità online come incentivo per il business, può davvero funzionare ma deve essere fatta in maniera efficace.

Ci sono molte strategie che è possibile sviluppare per arrivare al risultato ed è opportuno che anche voi le conosciate per non incappare nell’agenzia sbagliata.

Ora voglio parlarvi di una di queste, che in realtà ne comprende molte altre, il Funnel Marketing.

pubblicità online
Esempio di canalizzazione di Funnel Marketing

Funnel Marketing o Canalizzazione di vendita

In questa ultima parte del mio articolo sulla pubblicità online, voglio introdurvi al mondo del Funnel Marketing. Vi state chiedendo qual è la connessione? Allora, mi ricollego al fatto che lo scopo della pubblicità online è di acquisire clienti.

Bene, il funnel marketing è un insieme di tecniche che portano gli utenti all’interno di un processo ad imbuto che finisce con la fase di acquisto o di vendita.

In brevissimo: tanti (si spera) utenti vengono attratti da un brand perché hanno un desiderio o una necessità. Iniziano ad informarsi sul brand e su cosa offre, quindi richiedono maggiori informazioni per capire se il prodotto o servizio fa al caso loro. Intanto scendono all’interno dell’imbuto di vendita. Arrivano al punto di mettere a confronto vari competitor per scegliere qual è il migliore per loro. In questo caso è fondamentale che voi facciate esaltare le caratteristiche che vi rendono la scelta giusta. Insomma, dopo varie fasi, se l’utente arriva alla fase finale acquisterà il vostro prodotto e, se continuerete a nutrirlo, tornerà da voi.

Questa è un’estrema semplificazione di tutto il processo. Qui non voglio spiegare nei dettagli cos’è il funnel marketing e come funziona, ma voglio accendere una lampadina sulla sua utilità per il business.

Perché è vantaggioso il funnel marketing

Una canalizzazione di vendita porta molti vantaggi al business e si integra anche con la pubblicità online, perché come dicevo è una strategia che al suo interno comprende varie tattiche di marketing.

Per esempio, fare pubblicità online può essere il modo per attrarre un bacino quanto maggiore di utenti da incanalare all’interno del funnel.

Ma perché è così vantaggioso?

Perché è un processo ben strutturato e impostato che permette di sapere esattamente quanto costa, per esempio, ogni vista di un utente al sito web. Permette di tenere traccia di quante persone decidono di lasciare il loro contatto mail, quindi coloro che sono interessati.

Gli indirizzi mail vi consentono di mandare delle comunicazioni più mirate e sarete a conoscenza di quanti sono coloro che le aprono e le leggono.

Facendo tutti i tracciamenti del caso potrete, infine, avere un’idea chiara di quanti contatti sono diventati clienti effettivi.

In un certo senso, farete il percorso di canalizzazione insieme ai vostri utenti/clienti e questo vi porta ad ottenere maggiori informazioni su di loro.

Se non state gestendo la pubblicità online in questo modo, probabilmente il vostro attualmente non è un investimento.

Più informazioni avete, più vi sarà facile gestire il vostro budget senza sprecarlo. Inoltre, il potere dell’informazione è che permette di rendersi conto se qualcosa non sta funzionando, dunque sarà possibile migliorarla.

Ma se, invece, funziona ma potrebbe essere ancora più efficace?

Se sapete cosa state facendo potete ottimizzare tutto il procedimento e ottenere ancora di più.

Conclusione

La pubblicità online è efficace se fatta seguendo determinati criteri. Obiettivi e misurabilità sono essenziali per capire in quale direzione si sta andando. È fondamentale sapere sempre dove e come si sta spendendo il proprio budget.

Ponetevi le giuste domande e datevi le risposte prima di iniziare un progetto. La creatività è bella e necessaria, ma c’è bisogno di metodo per ottenere risultati che siano replicabili.

Se fate gestire la vostra pubblicità online ad esterni assicuratevi che lavorino nel modo giusto.

Detto questo, valutate bene tutti gli aspetti, fare le adeguate riflessioni e rinvigorite il vostro business.

Per approfondimenti:

Potrebbe piacerti anche