Sviluppa la resilienza mentale: potenzia le tue capacità (e il tuo business)

Sviluppa la resilienza mentale e potenzia le tue capacità (anche nel business)

di Mirko Cuneo

clock image10 minuti

resilienza mentale

La resilienza mentale come abilità di leadership ti permette di affrontare i cambiamenti e le difficoltà anche nel tuo business.

Tutti noi affrontiamo traumi, avversità e ci troviamo a combattere contro lo stress. Questo vale sia nella vita personale che sul luogo di lavoro, qualunque sia il livello professionale.

Prima di essere professionisti, dipendenti, collaboratori o imprenditori, siamo esseri umani e siamo soggetti a fallimenti, delusioni, stanchezza e insicurezze.

Tutte queste emozioni ci appesantiscono interiormente e influiscono sulle nostre azioni e reazioni.

Dal tuo stato d’animo dipendono le tue decisioni e da queste dipende la tua vita. Se hai un’attività è tuo dovere essere nelle condizioni migliori per riuscire a fare le tue scelte con lucidità.

Ecco che entra in gioco il concetto di resilienza mentale per prosperare nella quotidianità e all’interno dei luoghi di lavoro moderni, sempre più frenetici.

Che cos’è la resilienza?

Ho cercato il termine resilienza sul dizionario Treccani per darne una definizione precisa.

Per un materiale è la resistenza alla rottura in seguito ad una determinata prova d’urto. In psicologia, è la capacità degli esseri umani di reagire di fronte a traumi e difficoltà.

Resilienza mentale significa avere la capacità di riprendersi dalle avversità e questo è un concetto di grande interesse nel mondo degli affari.

Saper affrontare tragedie, minacce, ma anche cambiamenti e fonti di stress è fondamentale per riuscire a gestire le situazioni e le responsabilità. La resilienza mentale non vuol dire solo alzare uno scudo protettivo, ma consente una crescita personale profonda.

Ci sono molti aspetti della tua vita e del tuo business che puoi controllare, gestire e modificare. Sviluppa la resilienza mentale non solo per superare le circostanze difficili, ma anche per crescere e persino migliorare il tuo percorso.

Attenzione, essere resilienti non significa che non sentirai mai stati di angoscia o di pressione. Ma è l’abilità di accogliere quegli stati, senza farsene sommergere, per poi riuscire a recuperare le energie per progredire.

È una capacità che si può sviluppare con la buona volontà e l’esperienza, quindi anche se senti di non possederla ora non significa che non ci arriverai. Se segui i miei consigli e ci metti impegno, puoi anche sfruttare la resilienza mentale per potenziare le tue prestazioni all’interno del tuo business.

La resilienza mentale per gestire il tuo business

Sviluppare la resilienza mentale è importante perché ti permette di essere pronto quando ti troverai a dover affrontare dei problemi. La resilienza è una sorta di muscolo astratto e se lo alleni giorno dopo giorno ti saprà sostenere nel momento del bisogno.

Oggi più che mai gli imprenditori devono saper essere resilienti perché si trovano a scontrarsi con i grandi cambiamenti portati dalla tecnologia. Infatti, anche per accogliere l’innovazione c’è bisogno di resilienza mentale.

L’introduzione dei processi innovativi necessita di un cambio di cultura e di mentalità. Ne ho parlato in modo approfondito nel mio articolo sulla psicologia del cambiamento, in cui ho ripercorso gli stadi emotivi e psicologici che ognuno di noi si trova a percorrere durante una trasformazione importante.

Ti stai chiedendo cosa c’entra con il business?

Ti rispondo subito. Il tuo business non è separato da te. La tua azienda è come un organismo vivente e si sviluppa bene se è sano. Il benessere del tuo business dipende dalle tue decisioni e dall’aumento dei profitti.

Per aumentare i profitti devi ottenere più clienti riducendo i costi di acquisizione. Questo significa che devi rendere le tue vendite sempre più efficaci.

Ti stai chiedendo come fare e soprattutto cosa c’entra la resilienza mentale?

Semplice, devi saper costruire relazioni con i consumatori. E come si fa? Devi entrare nella mente dei tuoi clienti. Se ti interessa approfondire questo argomento metto a tua disposizione il mio video corso “Capire la psicologia del cliente”, in cui mi focalizzo proprio sui metodi per entrare in risonanza con il cliente per creare un rapporto.

Di cosa si tratta?

È un corso per imprenditori e venditori che vogliono davvero comprendere i propri clienti per ottenere vantaggi di business.

Ma adesso torniamo a noi e vediamo insieme come sfruttare la resilienza mentale per avere vantaggi in fase di vendita.

Costruisci connessioni

Costruire delle relazioni durature con i tuoi clienti è fondamentale per chiudere le vendite con successo.

Fatti aiutare dalla resilienza mentale per farlo.

Se sei una persona empatica e comprensiva, per i tuoi potenziali clienti sarà più facile entrare in contatto con te e affidarsi. Concentrati sulle necessità del tuo interlocutore senza far emergere il tuo ego.

Metti sempre al centro il cliente che deve essere e sentirsi il protagonista, anche se la vendita la conduci tu.

La resilienza mentale ti aiuta a gestire i rapporti con le altre persone anche ti capita di avere qualche problema personale. Se sei resiliente riuscirai gestirlo e a tenerlo lontano dal tuo lavoro, senza che ti danneggi su più fronti. Ovvero sia nel lato privato che in quello professionale.

Tieni presente che i tuoi potenziali clienti non si chiederanno mai il motivo di una tua brutta risposta o di un tuo comportamento strano. I clienti non sono tuoi amici, si aspettano solo che tu sia lì per soddisfare le loro esigenze.

La resilienza ti aiuta a ridurre la pressione che provocano le tue emozioni. Rimanendo razionale e calmo, anche nei momenti difficili, continuerai a pensare chiaramente senza essere sopraffatto da sentimenti negativi.

Se hai il controllo di te, avrai il controllo anche delle tue trattative di vendita.

Favorisci il benessere

Favorire il benessere durante la negoziazione di vendita significa mettere il cliente a proprio agio e farlo sentire preso in considerazione.

Esercitati ad essere d’accordo con lui, anche se questo non significa essere accondiscendente.

Il cliente deve sentire che tu stai dalla sua parte.

Adesso penserai “Va bene Mirko, ma se gli devo dire qualcosa di opposto a ciò che ha detto lui? Non posso?”.

Certo che puoi, anzi devi. Il rapporto con il cliente va costruito sulla reciproca fiducia.

Ma ci sono vari modi per dire le cose. Bisogna che utilizzi con il tuo cliente la comunicazione persuasiva per porti nei suoi confronti in maniera che ti ascolti.

Evita qualsiasi motivo di scontro.

Come spiego meglio nel mio video corso “Capire la psicologia del cliente”, devi prima essere in accordo con quello che dice lui. Dopo aver trovato il punto di incontro ecco che puoi introdurre anche il tuo pensiero.

Devi fare in modo che tu e il cliente vi troviate d’accordo per andare insieme verso la chiusura della vendita.

Questa regola vale per tutti i tipi di rapporto: esercitati ad essere d’accordo facendo pratica con familiari, amici o colleghi. In generale è un ottimo modo per comunicare con le altre persone.

E per accogliere le loro obiezioni.

Accogli le obiezioni

La gestione delle obiezioni è una delle chiavi fondamentali per chiudere con successo una vendita.

Non sempre è facile riuscire a gestire tutti i dubbi di un cliente perché sono fonte di stress. Le obiezioni dei clienti richiedono un continuo sforzo parte tue per riuscire a spegnerle e questo potrebbe portare a perdere la pazienza.

Ma con i tuoi clienti non deve capitare, altrimenti se ne andranno.

Avere un atteggiamento positivo è un modo utile per affrontare tutti i subbi dei tuoi clienti.

Cosa significa?

Significa possedere la resilienza mentale che ti permette di accogliere benevolmente obiezioni, dubbi, perplessità, giudizi e tutto quello che può uscire dalla bocca del tuo potenziale cliente.

“Una persona che riesce a far sentire bene qualcuno può vendere praticamente di tutto” questa è una frase che dico all’interno del mio video corso “Capire la psicologia del cliente. Ho voluto riportarla anche qui perché credo che esprima perfettamente i concetti di atteggiamento positivo e di favorire il benessere.

Le persone vogliono sentirsi bene e vanno costantemente alla ricerca di rapporti che soddisfino questo loro desiderio. Anche se si tratta di un rapporto commerciale e in ballo c’è l’acquisto di un prodotto o servizio.

Come sviluppare la resilienza mentale

La resilienza mentale è la capacità di auto-ripararsi dopo un danno. Ti aiuta a resistere e a rigenerarti, ma anche a costruire e organizzare positivamente la tua vita o il tuo business.

Se, come si dice, ciò che non ti uccide ti rende più forte. Allora devi farti le ossa ed essere pronto ad affrontare sfide, delusioni e cambiamenti.

Pensi di non essere in grado di essere resiliente?

Io credo, invece, che ti basti solo un po’ di allenamento.

Ecco 3 modalità per sviluppare la resilienza mentale o fortificarla.

resilienza mentale - come svilupparla
Come sviluppare la resilienza mentale

1. Avere un obiettivo

I tuoi obiettivi ti aiutano a trovare la motivazione. Avere uno scopo e un traguardo da raggiungere ti permette di chiarire il tuo perché.

Se sai il motivo che ti spinge ad agire, le azioni che compi saranno una conseguenza.

Mi spiego meglio. Se sei nel punto A e vuoi arrivare al punto B non ti resta che calcolare il percorso, suddividerlo in fasi più piccole e poi iniziare il tuo cammino.

E per arrivare al punto B senza arenarti durante la strada devi avere nel chiaro in mente il tuo “perché”.

Essere focalizzato sul tuo obiettivo significa trovare la forza di andare avanti nonostante tutto.

2. Essere perseverante

La perseveranza ti aiuta a sviluppare la resilienza mentale. Il concetto è di tenere duro e vale sia nella vita che nel mondo degli affari.

La perseveranza serve per tenere viva la motivazione, per continuare nel tuo percorso fino a raggiungere l’obiettivo.

Accetta che non puoi gestire ogni cambiamento e non farti destabilizzare dagli eventi che capitano intorno a te. Cercare di combattere quello che non è in tuo potere ti porterà solo grande frustrazione.

Sfrutta quell’energia per raccogliere tutta la tua forza e continua lungo il tuo percorso.

3. Fare un passo alla volta

L’auto-sabotaggio è la causa principale dell’insuccesso.

Se guardi la strada che devi fare tutta in una volta ti farà paura e potresti arrivare a pensare che non arriverai mai al traguardo.

Ma ogni percorso è fatto di passi, mettine uno dopo l’altro e vai.

Suddividi il tragitto per vedere chiaramente dove metti i piedi, questo ti darà la lucidità per andare avanti.

La resilienza mentale si costruisce un passo alla volta e raggiungendo ogni giorno, ogni settimana, ogni mese un nuovo risultato.

Conclusione

La resilienza mentale è un tratto caratteriale ormai fondamentale nella nostra società.

Il mondo in cui viviamo è frenetico e soggetto al continuo cambiamento. Le delusioni e i cambi di programma si nascondono dietro l’angolo, tutto si muove più velocemente e lo stress ci sta alle costole.

Come fare per gestire tutto?

Devi sviluppare la resilienza e imparare a rimanere solido e forte di fronte alle difficoltà. Questo ti sarà di grande aiuto sia nella vita che nel lavoro.

Per approfondire questo o altri argomenti più pratici sulla Vendita e sul Marketing, oltre che sul Mindset, segui il mio blog. Troverai articoli, video e podcast che risponderanno alle tue domande.

image of Mirko Cuneo

Mirko Cuneo

Imprenditore e leader digitale, formatore e CEO di Nextre Engineering. Aiuta gli imprenditori a potenziare il proprio business attraverso co...