Tecniche di growth hacking per aumentare i tuoi risultati

Svolgi attività di marketing e desideri raggiungere risultati migliori? Desideri espanderti sempre più e raggiungere migliaia di followers e clienti? Con alcune tecniche di growth hacking tutto questo può esser possibile.

Growth hacking: cos’è

Con Growth Hacking s’intende l’adozione di alcune piccole strategie  che permettono di raggiungere i risultati desiderati in poco tempo e senza farsi distrarre da altri obiettivi obsoleti.

Cosa significa? Significa prendere le decisioni giuste, procedere con un giusto focus nel proprio lavoro e crescere in maniera razionale. Le tecniche di Growth Hacking comportano processi d’ottimizzazione che garantiscono un miglioramento notevole.

La differenza fra le normali tecniche di marketing e il Growth Hacking sta nella differenza di “focus”, ovvero con l’hacking di crescita ci si concentra proprio sulla crescita stessa e meno su promozioni dedicate esclusivamente al marketing.

Ma procediamo più concretamente su questo piano, evidenziando con precisione quali sono le tecniche da adottare per usare un Growth Hacking efficiente.

Cos’è veramente il Growth Hacking

Il Growth Hacking permette di raggiungere, in poco tempo, da 0 a 10000 clienti. Com’è possibile? Innanzitutto, una delle prime cose da considerare sono gli obiettivi. Più obbiettivi ci prefissiamo, più difficilmente li raggiungeremo.

Questo perché pensare a troppi lavori allo stesso tempo comporta continue distrazioni e, di conseguenza, tutto finirà in un nulla di fatto. Quindi, per prima cosa è importante quali sono i reali obiettivi e soprattutto quali fra i tanti valgono la pena d’esser perseguiti.

Ad esempio, una volta trovato l’obiettivo da perseguire, si può procedere verso una promozione costante attraverso i social, incrementando costantemente le visualizzazioni e di conseguenza gli iscritti alle newsletter. In questo modo, si può riuscire ad attrarre molti più utenti a cui interessa lo stesso argomento che desideri sviluppare.

Per realizzare il nostro desiderio è quindi importante porsi questa domanda: qual è il vero obiettivo che voglio raggiungere? Su quale progetto mi voglio concentrare maggiormente?

hacking- di-crescita-strategie

Pianificare il futuro con il Growth Hacking

Considerare i lavori effettuati è una buona statistica per vedere a che punto siamo. Controllare le visualizzazioni, le vendite ed i followers acquisiti nel tempo è un buon dato per capire come muoversi in futuro e programmare il nostro Growth Hacking.

Tenendo di conto di questi fattori, si può cominciare a fare una lista di tutti i progetti effettuati durante gli anni/mesi, per poi analizzarli uno ad uno. Dopo averli elencati, si può procedere a valutare ogni progetto (da 1 a 10, ad esempio). Successivamente, è opportuno porsi domande come:

Questo progetto è stato utile per attirare clienti? I miei clienti sono veramente interessati a questo progetto? Il topic di questo progetto era effettivamente unico ed esclusivo oppure era un’idea generale? Sono veramente riuscito a creare una connessione con i progetti precedenti?

A questo punto, è necessario riunire tutti i progetti a cui si è dato una valutazione e capire se effettivamente erano orientati verso il nostro obiettivo. Altre domande utili da porsi possono essere:

È possibile che questi progetti mi hanno distratto dal mio obiettivo principale? Possibile che i progetti che ho creato erano solamente falle nel piano che non hanno prodotto nessun tipo di risultato?

Se in questi casi la risposta è Si, allora probabilmente si necessita di riorganizzare i propri piani strategici. Andando ad approfondire il tutto da un lato tecnico, possiamo cominciare a capire qual è il traffico effettivo che desidero, quali possono essere le keyword più efficienti, qual è il miglior topic per raggiungere followers, qual è il tono più utile per generare interesse, etc.

hacking- di-crescita-riorganizzare

Titoli d’impatto ed altri metodi

Una fra le tecniche molto utili per procedere con successo verso il growth hacking è quella di scrivere titoli d’impatto. Se i titoli hanno un impatto emotivo verso il lettore è molto probabile che si riesca ad attirare la sua attenzione. Ci sono numerosi metodi online (e libri) con cui poter adottare strategie di persuasione.

Un piccolo consiglio persuasivo è quello di proporre i propri contenuti come soluzioni immediate. Questo può incoraggiare gli utenti a cliccare sugli ad e condividerli. Far sentire le persone fiduciose di sé stesse o comunque emotivamente colpite attirerà la loro attenzione.

Altro metodo utile è quello di utilizzare parole o frasi “trendy”, dato che un titolo non convenzionale è un ottima strategia per suscitare interesse. Infine, se si è veramente convinti del proprio contenuto, l’arma migliore è condividere, condividere e condividere! Questa è la tecnica più efficace di tutte, sempre se siamo riusciti a rispettare tutti i metodi accennati precedentemente.