Come il Growth Hacking aumenta le vendite del tuo ecommerce

Prendi in considerazione le tecniche di Growth Hacking per far crescere il tuo ecommerce.

Se hai un’attività non solo devi essere presente online, ma devi anche sfruttare le migliori strategie di marketing per riuscire a far emergere il tuo business dal mare della concorrenza.

Ogni anno si vedono emergere nuove start up, alcune non ce la fanno, mentre altre mostrano dei numeri di crescita incredibili. Lo stesso Facebook ha sfruttato il growth hacking e le sue tecniche per raggiungere i 2 miliardi di utenti attivi al mese.

Airbnb è un altro esempio di attività che ha utilizzato le tecniche di growth hacking e ha ottenuto – come den sapete – una straordinaria crescita in pochissimo tempo.

Il Growth Hacking è proprio la scelta giusta per il tuo ecommerce. Ti aiuta ad aumentare le vendite, a migliorare le tue performance di business, ad incrementare il numero dei tuoi clienti. Le strategie di growth hacking permetteranno al tuo ecommerce di avere un notevole vantaggio competitivo rispetto ai competitors.

Il Growth Hacking per far crescere il tuo ecommerce

Ogni imprenditore vuole far crescere la propria attività e coloro che hanno un ecommerce sognano di aumentarne le vendite nel minor tempo possibile. Il termine stesso Growth Hacking è stato coniato da Sean Ellis, il primo growth hacker, proprio per descrivere questo metodo di lavoro.

Vediamo 10 tecniche di growth hacking per la crescita del tuo ecommerce. Funzionano sempre e ti aiuteranno ad implementare vendite ed entrate.

1. Costruisci il tuo Brand

Un Brand non è solo questione di nome, logo o design. Hai un brand forte quando riesci a colpire le persone in modo che si ricordino di te e che associno il tuo marchio ad un’emozione, positiva preferibilmente. Avere un brand forte è essenziale per vendere online: i prodotti di marca hanno un nome conosciuto, sono sinonimo di affidabilità, se ne conoscono le caratteristiche.

Non avere un brand significa che il tuo ecommerce non si differenzia dalla concorrenza. Nessuna differenziazione comporta meno redditività e, di conseguenza, una crescita lenta o nulla.

Un’attività che non cresce è statica e, a lungo andare, rischia il fallimento.

I consumatori devono entrare in relazione con il tuo brand, avere famigliarità, riconoscerlo tra gli altri e diventare fedeli ad esso. Aziende come Apple, Amazon, Samsung, Google, ecc, hanno successo perché hanno costruito immagini solide di sé nel corso degli anni.

Ti chiedi come puoi fare? Intanto guarda ai migliori e ai tuoi competitor più forti e cerca di capire cosa hanno fatto loro. Non potrai ricalcare i loro percorsi perché ognuno ha la propria storia, ma avrai informazioni per tracciare il tuo sentiero.

Crea la tua idea di branding e sfrutta le tecniche di growth hacking e gli strumenti a tua disposizione per far emergere il tuo ecommerce. Ricordati che molto dipende dal tuo prodotto o servizio. Non tutto va bene in qualsiasi occasione. Scegli ciò che per te risulta più utile ed efficace.

2. Segmenta i tuoi clienti

Una delle basi più importanti del marketing è conoscere quanto possibile le persone a cui ci si rivolge.

Identifica il tuo target, raggiungilo con tecniche di growth hacking marketing e poi cerca di rivolgerti ai tuoi migliori clienti. Ovvero quelle persone che hanno comprato da te e che ti hanno generato delle entrate.

Se hai già un ecommerce e hai effettuato qualche vendita dovresti avere un metodo per tracciare visite e acquisti e sapere chi sono i tuoi clienti. Ci sono degli strumenti di digital marketing che ti permettono di analizzare i tuoi clienti e sapere di più su di loro.

Per esempio, MailChimp è uno dei principali tool di automazione del web marketing. Che cosa fa? Profila i tuoi utenti e invia campagne di email personalizzate a coloro che hanno accettato di lasciarti l’email.

MailChimp ti consente di indirizzare comunicazioni mirate alle persone che hanno già effettuato acquisti sul tuo ecommerce. Sarai tu a scegliere a quali utenti rivolgerti: puoi inviare comunicazioni differenti ai diversi segmenti di clienti.

3. Aggiungi il tuo tocco personale al marketing

In una parola sola: personalizzazione.

Ogni giorno siamo sottoposti a migliaia di annunci, pubblicità, offerte e chi più ne ha più ne metta. Insomma, ne siamo letteralmente circondati ovunque, sia per strada che online. Perciò, per attirare l’attenzione delle persone devi personalizzare il tuo marketing.

Attrarre gli utenti ti permetterà di iniziare un dialogo con loro e di sfruttare tutte le migliori tecniche di growth hacking a favore del tuo ecommerce. Se riesci a far capire ai tuoi utenti che sai quali sono le loro esigenze e ciò che desiderano, puoi portarli ad effettuare l’acquisto. Il risultato dovrebbe essere positivo per entrambi: tu vendi e il tuo cliente ha ciò di cui aveva bisogno.

Costruisci le tue email in modo che il messaggio parli direttamente al destinatario e fai attenzione alle caratteristiche che attraggono la vista. Scegli con cura i colori, le immagini, le scritte, cerca di curare ogni dettaglio in ogni tua comunicazione.

4. Sfrutta i il video marketing

Forse non dovrei neanche dirlo, ma ormai ci sono: il video marketing è diventato un must-have. Ogni sito ecommerce dovrebbe avere al suo interno anche dei video per ottenere un vantaggio rispetto alla concorrenza. Il video marketing è diventata una strategia di growth hacking per il tuo ecommerce per la sua natura di immediatezza, semplicità e attrattività.

Il video marketing non è solo per le grandi aziende, ma è uno strumento utile anche per le piccole-medie imprese. Oggi sono migliaia le persone che si affidano ai video per consigli, recensioni e informazioni perché richiedono meno impegno rispetto alla lettura.

Attenzione, bisogna avere qualche accortezza.

È importate fare video di qualità, anche se semplici. Se sei in imbarazzo davanti alla camera, tranquillo, è normale, ma con il tempo farai esperienza e prenderai l’abitudine. Il video marketing aumenta senz’altro i tuoi tassi di conversione ed è un sicuro punto a favore per le vendite del tuo ecommerce.

Il video marketing come strategia di growth hacking per il tuo ecommerce

5. Crea contenuti di qualità

Una delle strategie di growth hacking indispensabile al tuo ecommerce è il content marketing. Punta sempre a contenuti di qualità sia sul tuo sito web che sulle piattaforme social dalle quali condurrai i tuoi clienti sul tuo sito.

Nella scrittura dei contenuti pensa sempre a chi sono le persone a cui ti vuoi rivolgere e dialoga con loro. Sono i tuoi utenti che avranno la parola finale: sono loro che devono apprezzare il tuo contenuto.

Tu fai attenzione alla lunghezza, alla leggibilità, alla formattazione ecc, ma poi ciò che importa è che se il contenuto venga apprezzato da coloro che acquistano.

Tutte le strategie di growth hacking sono complementari e funzionano bene se tutti gli ingranaggi del funzionamento complessivo sono ben oliati e ottimizzati.

6. Riduci il tasso di abbandono del carrello

Se gli utenti che visitano il tuo ecommerce aggiungono prodotti al carrello vuol dire che sono interessati a ciò che offri. Però succede spesso che l’acquisto non venga portato a termine e che il carrello rimanga abbandonato. Le stime – riportate anche da Wikipedia – dicono che il tasso di abbandono del carrello online varia tra il 60% e l’80% a seconda del settore di riferimento. Questo è un grosso problema per la maggior parte dei negozi online.

Perché? Cosa è andato storto? Cosa gli ha fatto cambiare idea?

Le domande sono tante e le risposte molteplici, ma devi cercare il problema, trovarlo e risolverlo. Infatti, con alcune tecniche di growth hacking è possibile recuperare i clienti che il tuo ecommerce ha perduto. Attenzione, però, non è pensabile di avere proprio zero carrelli abbandonati, devi prendere in considerazione che qualche vendita potrebbe andare a vuoto.

Inizia a chiederti quale può essere la motivazione dell’acquisto interrotto. Per esempio, un utente può essere stato fermato all’ultimo dal prezzo del prodotto, oppure può aver riscontrato qualche difficoltà nella fase del pagamento. Nel primo caso potresti inviare delle offerte mirate proprio sull’articolo che aveva nel carrello; nel secondo caso, il tuo ecommerce, potrebbe avere dei problemi di utilizzo che sono quindi da trovare e aggiustare.

Altri clienti che accedono al tuo negozio online forse si stanno solo facendo un’idea di quello che vendi e ti stanno mettendo a confronto con altri competitor. In questo caso è utile cercare di far compilare a questi utenti dei form di contatto per farti lasciare il loro indirizzo email. Questo ti servirà per restare in contatto con loro e informarli meglio su di te, sul tuo marchio e sulle tue nuove offerte. La prossima volta potrebbero comprare proprio da te.

7. Incoraggia i clienti a condividere il tuo brand sul social media

Ciò che non mi stancherò mai di ripetere è che se sei presente sul web e sui social network, ma nessuno lo sa, allora è come se non esistessi. Lo stesso vale per il tuo brand, il tuo prodotto o il tuo servizio. Puoi avere l’ecommerce più bello di tutti e offrire ciò di cui le persone hanno davvero bisogno, ma se nessuno ti vede e ti sente nessuno saprà mai che ci sei.

Quindi, applica strategie di growth hacking per fare in modo che il tuo ecommerce venga intercettato dagli utenti. Per fare questo utilizza la giusta comunicazione e le varie piattaforme digitali. Fai una ricerca per capire quali social sono frequentati maggiormente dal tuo target di riferimento e fai delle promozioni mirate per raggiungerlo.

Ricorda sempre di fare attenzione a tutti i fattori che possono attrarre l’attenzione, cioè il titolo, i colori, le immagini, l’offerta.

Cura il più possibile i dettagli, personalizza i tuoi annunci e fai in modo che gli utenti ti condividano in rete.

8. Fai l’analisi delle parole chiave

Per posizionare il tuo ecommerce tra i primi risultati di ricerca su Google devi avere una strategia SEO mirata e ben studiata. Se le tue pagine riescono ad arrivare tra le prime posizioni verranno visualizzate da un maggior numero di utenti. Più traffico sul tuo ecommerce significa più possibilità di vendere e, quindi, più entrate. Ma non solo. Più vendi e più ti fai conoscere, aumenterà così la considerazione che le persone hanno del tuo brand e questo porterà ad ulteriori clienti.

Per posizionare il tuo ecommerce lavora sulle parole che gli utenti potrebbero digitare per cercare ciò che tu offri. Inizia a concentrarti sulle parole chiave a coda lunga, ovvero frasi che contengono un maggior numero di parole e per cui c’è meno competizione.

Metti le tue parole chiave all’interno delle pagine di tutti i tuoi prodotti o servizi e collega queste tra i loro con dei link per rinforzarle agli occhi del motore di ricerca.

Queste tecniche SEO, che fanno parte del posizionamento organico, richiedono un lavoro minuzioso, ma sono indispensabili per fare in modo che le pagine del tuo ecommerce restino posizionate nel tempo.

growth hacking ecommerce
Strategie SEO: parole chiave Long Tail

9. Fai gli A/B test

Avrai sentito parlare degli A/B test. Servono per mettere alla prova per esempio due annunci che si differenziano di poco per capire quale dei due funziona meglio. Quando hai avviato il tuo ecommerce probabilmente avrai fatto dei test del genere per sapere quale direzione prendere.

Bene, ma ti devo dire che farli una volta e mai più non basta. Il mondo continua ad evolversi, le persone cambiano, gusti e interessi si modificano. Quindi, un’altra strategia di growth hacking per il tuo ecommerce è di continuare a fare i tuoi test.

Se riceverai conferma dagli utenti perderai meno tempo a cercare di capire che cosa gli piace di più. Sfrutta quelle volte in cui basta “chiedere” per avere delle risposte.

Persino Google, che sembra essere un prodotto completo e perfetto, non smette mai di testare per migliorarsi e aggiornarsi.

Tutti i grandi, per rimanere tali, devono essere sempre in movimento e adeguarsi alle novità.

La stessa cosa vale anche per le realtà più piccole che vogliono continuare a governare il proprio mercato di riferimento. Anche tu devi utilizzare le tattiche di growth hacking per il tuo ecommerce come fanno i migliori: tratta la tua attività come una grande attività per ottenere ottimi risultati.

Fai prove su immagini, testi, colori, call to action, ecc. Per rimanere al top continua a testare e ad evolvere di pari passo al gusto delle persone.

10. Diventa popolare sui social media

Il termine “social” in social media ha proprio la valenza di popolarità e socialità. Queste piattaforme digitali vivono proprio grazie al dialogo e all’interazione tra le persone che le frequentano. Entra a far parte attivamente di queste community e interagisci con i tuoi clienti per diventare sempre più famigliare. Non perdere l’occasione di parlare direttamente con loro, per rispondere alle loro domande e per fornire informazioni e assistenza.

I social network permettono di abbassare le barriere e avere delle conversazioni “alla pari”. Se interagisci con gli utenti, loro si sentiranno considerati e l’immagine del tuo brand ne trarrà vantaggio. Di conseguenza, le persone saranno involgiate a parlare bene di te e del tuo prodotto alla propria rete di amici e conoscenti.

Conclusioni

La concorrenza è sempre maggiore e anche le vendite online stanno diventando più difficili. Usa tutte le strategie a disposizione per rimanere sulla cresta dell’onda e per farti intercettare dagli utenti. Ma poi il lavoro non è finito, devi trovare anche le modalità affinché questi effettuino gli acquisti proprio da te.

Per competere hai bisogno degli strumenti giusti e le tecniche di growth hacking sono estremamente utili alla crescita del tuo ecommerce. Ricorda che non ci sono dei modelli prestabiliti da seguire, ma al massimo puoi prendere spunto guardando come si muovono gli altri. Però poi devi trovare la tua strada verso il successo. Infatti, ci sono strategie che possono funzionare per te e non per un’altra azienda e viceversa. Quindi, sperimenta i metodi che si adattano meglio alla tua situazione e continua ad innovarli.


Vuoi far crescere la tua azienda grazie al web?

Questo libro è un vero manuale di sopravvivenza digitale per l’impresa del futuro. Scopri tutte le strategie per ottenere successo grazie al web e governa da protagonista la trasformazione digitale della tua azienda.


Potrebbe piacerti anche