Come diventare un imprenditore di successo nel 2022

di Mirko Cuneo

clock image16 minuti

imprenditore di successo

Il mondo del business è attraente, come anche l’idea di diventare un imprenditore di successo, raggiungere grandi traguardi ed essere ricordato nel tempo.

Tuttavia, ti assicuro che il ruolo dell’imprenditore, per quanto affascinante, nasconde molte insidie, soprattutto per chi non è pronto ad affrontarle. Quello che si vede da fuori è solo la punta dell’iceberg che cela, sotto la superficie, una quantità di responsabilità e scelte difficili da affrontare.

Veder nascere e crescere la propria attività è un po’ come diventare genitore, emozionante e bellissimo, ma altrettanto spaventoso e impegnativo. È naturale che vengano dei dubbi e che a volte non ci si senta all’altezza.

Se ti stai chiedendo che cosa serve davvero per essere un imprenditore e per far crescere un business, la verità è che non esiste una risposta universale a questa domanda. Come si dice in tante occasioni, non c’è una formula magica, ma esistono alcuni principi e buone abitudini da seguire che ti aiuteranno a raggiungere i risultati che desideri.

In questo articolo ti offro i miei consigli che derivano dalla mia esperienza diretta sul campo e che ti saranno utili per capire come si comporta un imprenditore e cosa serve per avere successo.

Invece, se hai già la determinazione e la convinzione che servono per affrontare la vita da imprenditore e stai cercando la strada più breve e sicura verso la crescita aziendale, ho un’offerta fatta apposta per te. Ti metto a disposizione il mio percorso di coaching per imparare il vero mindset imprenditoriale e tutte le strategie per far fiorire la tua attività nel 2022.

Se vuoi scoprire di più sul mio metodo, clicca il pulsante qui sotto e prenota la tua prima chiamata gratuita per parlare direttamente con me. Altrimenti continua a leggere.

Cosa significa essere un imprenditore

Prima di iniziare a discutere dei consigli per fare il salto di qualità e raggiungere il successo, capiamo che cosa significa effettivamente essere un imprenditore. Non è solo un lavoro, ma un vero e proprio stile di vita.

Possiamo dire che l’imprenditore è colui che ha l’ambizione di trasformare le sue idee in business da scalare per generare profitto. Si tratta di prendere in mano la propria vita e la propria carriera e guidarla nella direzione desiderata. Ma questa è una definizione un po’ limitata. Oggi, l’imprenditore di successo è quella persona che trova il modo di risolvere determinati problemi e, con i suoi prodotti o servizi, propone soluzioni utili ai consumatori.

Un’idea imprenditoriale è vincente quando riesce a identificare esigenze specifiche non ancora sanate da altre aziende, portando un marchio a distinguersi all’interno del mercato. Questo significa anche assumersi il rischio di fare degli investimenti, sia in tempo che in denaro, e prendersi carico dell’eventuale fallimento. Ma in questo articolo ti mostrerò i metodi migliori per riuscire a stare alla larga dalla rovina imprenditoriale. Questo non significa che non ci saranno mai delle battute d’arresto, il trucco è reagire nel modo giusto affinché non determinino il crollo definitivo.

Essere imprenditore oggi significa anche possedere le caratteristiche di leadership necessarie per guidare i propri collaboratori verso il raggiungimento di obiettivi comuni. Il leader è più di un semplice capo, è colui che riesce a trasmettere le proprie idee e la propria passione e che viene seguito dagli altri perché lo ritengono un esempio da prendere come riferimento.

Se anche tu senti la vocazione di diventare un imprenditore significa che dentro di te hai tutte queste cose e, per avere successo, devi solo cercare di esprimerle al meglio. A questo proposito, prima di continuare, ti propongo il video che trovi qui sotto in cui ti parlo di cosa vuol dire fare impresa. Mentre nel prossimo paragrafo andiamo a delineare concretamente la figura dell’imprenditore e ciò che lo distingue da un libero professionista.

Cosa fa un imprenditore

Una figura professionale che molto spesso viene confusa con quella dell’imprenditore è il libero professionista.

Esistono certamente alcuni elementi in comune tra queste due figure, ma stiamo parlando di due ruoli e di due lavori completamente diversi.

Entrambi sono lavoratori autonomi, hanno una Partita IVA e hanno un’attività economica che produce e vende beni e servizi.

La principale differenza è che l’imprenditore ha un’azienda che lavora e crea guadagno anche quando lui non c’è, o quando impiega il suo tempo in altre attività.

Il libero professionista non può.

I risultati ottenuti da un libero professionista sono strettamente collegati al tempo trascorso lavorando.

Un imprenditore raggiunge il successo quando l’azienda può andare avanti senza di lui. 

Ti faccio questo esempio per farti capire meglio.

Quando un pizzaiolo decide di lasciare il posto da dipendente per aprire il proprio locale, sta aprendo un’azienda ma non è detto che avrà successo. Fare il pizzaiolo e gestire una pizzeria sono due cose molto diverse.

Infatti non è assolutamente detto che un bravo pizzaiolo sia anche un bravo imprenditore. 

Un bravo imprenditore deve conoscere le leggi che regolano il mercato, ma soprattutto deve essere in grado di:

  • Definire una mission aziendale e i valori da seguire;
  • Essere un leader per guidare dipendenti, collaboratori e partner;
  • Saper leggere un bilancio e prendere decisioni finanziarie a breve e lungo termine;
  • Conoscere le strategie di acquisizione clienti;
  • Creare un sistema di vendita efficace.
come diventare un imprenditore di successo

In parole semplici. Essere molto bravo a fare tecnicamente il proprio lavoro non va confuso con il saper gestire un’impresa, e diventare quindi un imprenditore di successo.

Essere un imprenditore significa che devi avere grandi abilità di management aziendale, di gestione del personale e delle risorse di un’azienda. Devi essere in grado di gestire efficacemente i clienti, sapere gestire aspetti economici e finanziari.

Adesso che abbiamo chiarito quali sono i requisiti per diventare un imprenditore di successo, è arrivato il momento di svelarti i miei 10 preziosi consigli per avviare e far crescere il tuo business.

Consigli per imprenditori

Guardando da fuori gli imprenditori di successo potresti avere l’impressione che molti di loro abbiano delle doti innate che gli hanno permesso di arrivare dove sono.

Sicuramente, alcune persone nascono con tratti del carattere più spiccati di altri. Ma ognuno ha i suoi punti di forza e i suoi punti di debolezza.

La notizia positiva è che, con una buona dose di motivazione, impegno e determinazione, anche tu puoi diventare l’imprenditore che sogni di essere.

Per facilitarti in questo percorso, ecco una serie di consigli su cui basarti per iniziare a gettare le fondamenta della tua carriera imprenditoriale.

essere un imprenditore

1.  Scopri se l’imprenditorialità fa per te

Il primo passo importante è quello di capire se è davvero la carriera che desideri o se sei influenzato dalla moda del momento. Non dico questo per scoraggiarti, ma devi essere consapevole del fatto che quello dell’imprenditore non è un lavoro semplice.

Riserva tante soddisfazioni ma riserva anche tanto sacrificio.

Perciò, prima di passare ai consigli successivi devi capire se questa è davvero la strada che vuoi intraprendere.

Come fare per capirlo? Prendi in considerazione i tuoi obiettivi e le caratteristiche della tua personalità.

Vuoi vedere realizzate le tue idee? Ami le sfide? Pensi di poter andare avanti indipendentemente dalle opinioni altrui? Sogni in grande ma ti poni mete concrete? Sei pronto a rialzarti dopo un fallimento?

Se la risposta è “” alla maggior parte delle domande, allora significa che hai il mindset giusto per essere imprenditore. Ma se pensi di non avere la mentalità che serve aspetta un attimo prima di mollare, perché anche l’attitudine giusta si può sviluppare quando il tuo desiderio è forte.

2. Scegli e segui la tua idea

Come si trova l’idea vincente per il tuo business? Parti da ciò che ti piace fare.

Lasciami dire due parole su questo punto. Essere imprenditori significa amare ciò che si fa e crederci con tutte le forze. Trovare la motivazione è fondamentale altrimenti, nei momenti bui, potresti essere indotto a gettare la spugna.

L’idea giusta può essere anche semplice, ma deve possedere quel tocco in più che ti permette di differenziarti. Per farlo devi saper rispondere alle necessità dei consumatori oppure devi avere l’abilità di creare una mancanza anche dove prima non c’era.

Per esempio, un prodotto o un servizio che prima di esistere non serviva, proprio perché era qualcosa di sconosciuto, ma dopo che è nato non se ne può fare a meno.

Insomma, una delle cose più importanti per avere successo è che quello che proponi sia utile a qualcuno e riesca a migliorare in qualche modo la vita delle persone. Questo mi porta direttamente al concetto di target, ovvero quei consumatori che potenzialmente sono interessati alle tue offerte.

3. Trova il tuo target

Ok, ora hai la tua idea. Cosa serve per farla diventare realtà? Un pubblico.

Se ciò che hai in mente rappresenta la soluzione per un’esigenza non ancora soddisfatta del mercato, allora sarai destinato ad avere successo. Essere imprenditore significa anche questo, saper ascoltare il mercato.

Tanti imprenditori cadono proprio su questo passaggio. Nella loro testa pensano di aver trovato l’idea perfetta ma poi, di fatto, i consumatori non la pensano allo stesso modo. E sai come funziona, se non hai clienti non puoi avere nemmeno profitto.

Quindi, individua il tuo selling point, la tua idea originale e verifica che può risolvere il problema o soddisfare il desiderio di una specifica fetta di mercato, che chiameremo il tuo target di riferimento.

Quando individui il pubblico devi essere molto meticoloso. Segnati l’età, la posizione geografica, l’occupazione, gli interessi, le passioni e le paure che dovrebbero avere i tuoi clienti ideali. Più sei specifico nel delineare quella che viene definita Buyer Persona e più avrai le idee chiare su chi sono coloro a cui ti rivolgi come intercettarli.

4. Pianifica e avvia la tua attività

A questo punto hai chiarito la tua idea e anche le persone a cui venderla, quindi è arrivato il momento di passare alla pratica.

Questa probabilmente sarà la parte più difficile. La tua idea da astratta deve diventare concreta.

Cosa significa? Crea un progetto realizzabile in tutte le sue fasi: devi avere il prodotto o servizio, un piano di marketing per promuovere la tua offerta, eventuale personale che ti aiuti nella gestione o nel lavoro vero e proprio. Le specificità relative alla pianificazione dipendono anche da che cosa hai in mente di fare, la base da cui parti, quello che ti manca e così via. Non dimenticare di preparare anche una presentazione se hai bisogno di trovare degli sponsor che ti appoggino per riuscire a partire.

Dedica a questa fase tutto il tempo necessario perché non puoi permetterti di andare per tentativi, rischieresti di bruciare tempo e denaro. Crea fin da subito un business model inattaccabile e ricordati di modificarlo con il tempo per adattarlo alle rinnovate esigenze.

5. Sii perseverante

Come abbiamo già sottolineato, la vita di un imprenditore è in salita, soprattutto all’inizio. Questo significa non mollare!

Ricordi quando ti ho detto di scegliere un’idea che fosse in linea con le tue passioni? Questo ti serve esattamente per andare avanti nel tuo progetto anche quando le cose si fanno complesse.

Inoltre, incontrerai sempre opinioni contrarie rispetto alla tua, è insito nella natura umana. Ma questo non deve assolutamente scoraggiarti. Anzi, in certi casi possono essere utili proprio per riuscire a delineare meglio il tuo percorso e rendere ancora più efficaci le tue idee.

Il confronto con persone di cui ti fidi è una parte importante nel processo di crescita professionale e personale. Ma anche quello con chi la pensa in maniera differente da te perché ti può aiutare ad aprirti a nuove prospettive che prima non avevi considerato.

6. Circondati di ottimi collaboratori

L’idea di dare vita ad un’attività completamente tua è elettrizzante ma, nell’atto pratico, ti renderai presto conto che non puoi gestire tutto da solo.

Sono troppi gli aspetti che caratterizzano un’impresa come il lato commerciale, quello amministrativo, il marketing, oggi web marketing, la vendita, il post vendita e chi più ne ha più ne metta.

Nel momento in cui l’attività comincia a strutturarsi, devi iniziare a delegare. Avere dei collaboratori competenti e di cui fidarsi è una delle chiavi di volta per avere successo, ma qui molti imprenditori cadono.

Oggi le persone non sono più solo alla ricerca di un lavoro, ma di un ambiente di lavoro che sappia offrirgli quello di cui hanno bisogno.

Per portare collaboratori validi nella tua azienda e riuscire a mantenerli devi trattarli come meritano, riuscire a coinvolgerli nelle tue idee, gratificarli per il lavoro ben svolto e continuare a farli crescere professionalmente. Solo così riuscirai a circondarti di personale che sviluppa le tue idee come fossero le sue e ti darà l’aiuto che ti serve per sviluppare il business.

essere un imprenditore

7.  Costruisci la tua rete

Un ottimo imprenditore sa che la qualità dei contatti che stringe influisce sulla sua vita e sul suo lavoro. Più persone in affari riesci a conoscere, più ti si presenteranno nuove opportunità per migliorare o ampliare il tuo business.

In fondo, ogni aspetto della nostra esistenza è basato sui rapporti con gli altri e il mondo professionale non fa eccezione.

Questi rapporti professionali che prima si stringevano solo di persona, adesso possono essere costruiti anche sul web. Ovviamente mi riferisco soprattutto a LinkedIn che è il social media per imprenditori e professionisti per eccellenza.

I tuoi collegamenti sulla piattaforme è bene che siano con persone con cui puoi stringere partnership e collaborazioni o di altri imprenditori e professionisti che potrebbero avere bisogno dei tuoi prodotti o servizi.

Più è fitta e ramificata la rete dei tuoi contatti e sempre più occasioni di business riuscirai a far diventare affari concreti. Ovviamente non basta solo essere presente su LinkedIn, per emergere sono necessarie strategie precise, ma questo è un tutto un altro discorso.

8. Sii studente per tutta la vita

Un imprenditore non finisce mai di imparare, nemmeno dopo aver creato il proprio impero.

Il mondo si sta evolvendo alla velocità della luce. Sii affamato di informazioni relative al tuo mercato, interessati di attualità e approfondisci concetti trasversali.

Ricorda che tutto ciò che impari, relativo o meno al tuo ambito di competenza, un giorno ti tornerà utile.

Pensa a Steve Jobs. Uno dei corsi che seguì al college fu quello di calligrafia. All’epoca non sapeva a cosa lo avrebbe portato e per anni gli sembrò scollegato dalla sua vita personale e professionale. Ma proprio quel corso, tempo dopo, gli permise di progettare il primo computer dotato di una bellissima tipografia. Se non avesse partecipato a quel corso, il Mac non avrebbe avuto caratteri tipografici e font spaziati in modo proporzionale.

Come disse nel suo discorso a Stanford “Stay hungry, stay foolish”.

9. Impara dai tuoi errori

Una delle più grandi capacità di un imprenditore è quella di riuscire a superare un fallimento e a trarne un vantaggio. Oggi questa abilità prende il nome di Growth Mindset, ovvero sulla presa di consapevolezza che puoi migliorare le tue capacità. Perciò, se qualcosa è andato storto, tutto quello che devi fare è capire il perché, colmare le tue mancanze e rimetterti in gioco con nuove conoscenze.

Le cadute ci saranno, non saresti umano se non fosse così. Ma se vuoi essere un imprenditore di successo devi osare, questo comporta correre dei rischi che, a sua volta, comporta possibili sconfitte. Non lasciarti demoralizzare e, se capita, trova subito il modo per ritrovare fiducia.

Ogni fallimento ti insegna cosa non devi fare se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi e nulla è efficace come le lezioni impartite dall’esperienza.

10. Prima la strategia e poi l’azione

Siamo arrivati all’ultimo consiglio di questa ben ponderata lista. La verità è che quello che c’è da sapere non finirà mai, ma con le nozioni di base riuscirai a continuare il tuo percorso sapendo come affrontare le novità.

Ma ricorda che la cosa più importante è: non andare allo sbaraglio. Ogni cosa che fai deve avere uno scopo e le azioni che intraprendi dovrebbero portarti verso il tuo obiettivo.

Quindi, parti sempre con il delineare una strategia, cioè definisci che cosa vuoi ottenere, poi capisci come ottenerlo e, solo alla fine, agisci.

Se hai troppa fretta di passare all’azione, ma senza avere una strategia, corri il rischio di fare tanto e ottenere poco. Chiediti sempre il perché di quello che fai e a cosa ti serve. Un’altra differenza tra un semplice imprenditore e un imprenditore di successo è proprio la pertinenza e l’efficacia di ogni mossa.

Bene, adesso tocca a te!

Come diventare un imprenditore di successo

Ho iniziato a fare impresa a 19 anni, perché sentivo che la mia vocazione era quella di riuscire a costruire qualcosa. Ora, dopo 20 anni di carriera, sono orgoglioso di avere costruito una società con oltre 100 dipendenti e in continua crescita.

Tra le lezioni che ho imparato, molte delle quali ho voluto condividere con te in questo articolo, ce n’è una che forse è la più preziosa di tutte: essere un imprenditore non vuol dire per forza fare tutto da solo, o da sola.

Arriveranno i momenti in cui non saprai cosa fare o che decisioni prendere.

A questo punto ci sono due strade.

Puoi decidere di mettere i paraocchi e nasconderti dietro alle tue abitudini, anche se queste continuano a portati verso errori, fallimenti e frustrazioni.

Oppure puoi decidere di lavorare avendo affianco una persona che è in grado di darti i consigli di cui hai bisogno, di svelarti i ‘trucchi’ del mestiere e di aiutarti a definire gli obiettivi e la direzione che la tua aziende deve prendere.

Questa figura è quella del Business Coach.

Ti aiuterà a prendere strade diverse da quelle a cui sei abituato e a dare una svolta al tuo business se ti trovi in una situazione di stallo.

Io stesso mi sono affidato all’esperienza altrui per riuscire a superare dei momenti difficili e adesso posso fare la stessa cosa per te.

Se pensi di essere bloccato con la tua azienda o vuoi semplicemente un consiglio su come superare un ostacolo difficile, clicca il pulsante qui sotto, scopri di più sul Business Coaching e, se quello che trovi ti interessa, prenota la tua prima chiamata gratuita.

image of Mirko Cuneo

Mirko Cuneo

Aiuto aziende e professionisti a potenziare il proprio business, in modo che possano aumentare i propri guadagni, clienti e la rispettabilità del proprio brand.

Ti serve aiuto? Clicca QUI

Nessun commento

Commenta